cosa c’entrano i nani che giocano a golf con gli inani sforzi del Mercante di Venezia


nel circolo di golf di “molto molto lontano”, che peraltro resta molto molto vicino alla rocca da cui vi scrivo, un prode cavaliere decide di organizzare una tenzone di golf di beneficenza. Lo scopo è raccogliere una piccola somma destinata alla ricerca per i cerusici a cui come spesso accade nel regno sono stati tagliati i fondi per la ricerca. Quindi i paladini che andranno al cimento, dovranno aggiungere all’iscrizione, dieci soldi destinati all’uopo. Ma ecco profilarsi la rivolta: vassalli, valvassini e valvassori non reputano opportuno cotanto esborso e con la complicità del connestabile minacciano di disertare il carosello.

Il nostro cavaliere, però, è valoroso e d’animo nobile (fondatore di un’associazione che si chiama “ NO SNOB GOLF, che ha come logo la foto che potete ammirare in alto), e l’animo non se lo perde per simili facezie: decide di organizzare lo stesso la disfida, la chiama Shylock Cup (dal nome del “ Mercante di Venezia” di Shakespeare, l’avaro più famoso dopo quello di Moliere della letteratura mondiale) e fa incidere la dicitura sui Graal destinati ai vincitori.

Unico rimpianto, il fatto che quasi nessuno abbia potuto apprezzare la premiazione delle beffe causa lacune culturali, ma sappiamo che del fatto è stato prontamente informato il ministro Bondi che sta pensando ad un programma di acculturamento forzato del golfista, in grado di darci a breve il fatidico: “ …e vissero tutti felici e contenti”.

Vi è piaciuta la favola? …e se non fosse una favola?

33 commenti:

Comicomix ha detto...

Se il Mercante di venezia gioca a Golf con facezia
a Perugia un commerciante vende golf a tutte quante
tutto scorre, senza fretta,
mentre er popolo.... se gretta!

^_^

Un sorriso sotto un cielo di stelle

C.


(Se la penna è così che ha perso l'ispirazione, spero che continui a non essere ispirata.)

riccardo gavioso ha detto...

caro amico, visto che di beneficenza si tratta, devo dire che l'altro giorno ho dato un'occhiata ad " Un sorriso lungo un anno " e sono rimasto davvero impressionato dal numero di adesioni. Credo sia la prova che c'è ancora molta gente capace di provare qualcosa e in grado di ricompensare chi si batte per un mondo diverso.

babilonia61 ha detto...

Certo, a volte la fantasia diventà realtà e spesso, ancor di più, la realtà si finge fantasia per sorprendeci e prenderci per le mani. Evviva! Complimenti per la satira (sic!). Buona serata. Rino

riccardo gavioso ha detto...

sono tempi in cui ho la netta impressione che la grettezza cresca come il prezzo dei cereali... o forse sono solo io che sto invecchiando ;)

vediamo cosa ne pensano gli amici...

giusnico ha detto...

Ahhhh, secondo me hai torto su tutta la linea :-) Scusa, volevo dimostrare che non sono un poweruser rosso ;-) Un saluto a tutti

riccardo gavioso ha detto...

grande! ...mi hai rubato un sorriso ;)

giusnico ha detto...

Ecco, adesso mi stai dando del ladro... :D

babilonia61 ha detto...

Fosse solo la grettezza, caro Riccardo, sarei contento, ma crescono tante altre brutte cose, sfortunatamente. Buona serata,Rino.

dvdbablog ha detto...

no no è proprio così la grettezza galoppa e si fa poco per fermare la sua continua crescita, almeno con i prezzi dei creali si prova a fermarli.

pimentel ha detto...

Gli amici di chi? Non è chiaro, non è chiaro.... :D

riccardo gavioso ha detto...

credo che la grettezza sia un argomento trasversale... o mi sbaglio? ;)

rinascitanazionale ha detto...

per te caro rickgav...

[oknotizie.alice.it]

doc63 ha detto...

purtroppo dai ricchi fatichi anche a farti pagare un caffé,con la scusa della carta di credito,figuriamoci fare della beneficenza ;-)

riccardo gavioso ha detto...

in effetti la cruna dell'ago a qualcuno sembra calzare sempre più stretta... attendiamo serenamente un emendamento del pacchetto sicurezza volto ad allargarla ;)

doc63 ha detto...

facciamo prima a vedere il ponte sullo stretto ;-)

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Satira graffiante, sarcasmo ed amarezza latente. Questo tuo post è molto bello.

Ciao Riccardo
Daniele

flo ha detto...

Ho come la sensazione di conoscere questo prode cavaliere, mi sbaglierò... :P
Ciao

Bastian Cuntrari ha detto...

Il grande Leo Longanesi, quello che riuscì a "fotografare" tanto bene l'Italietta del suo tempo (nemmeno tanto cambiata, da allora...), diceva, dei gretti e degli avari, che "vissero infelici perché costava meno".

Io ho le mani bucate: sarà perché mio nonno era di Bagnocavallo, come Longanesi?
E poi dicono che le "radici" non contano...

P.S.: ma qui lo hanno copiato?

riccardo gavioso ha detto...

@ daniele: grazie Daniele, e ancora in bocca al lupo per l'agone poetico di stasera ;)

riccardo gavioso ha detto...

@ bastian cuntrari: gli aforismi di Longanesi sono vere perle di saggezza, grazie per avercene regalata una.
Temo anch'io di avere le mani abbastanza bucate, ma di questi tempi non è più un grosso problema ;)

grazie per la segnalazione, vedrò di informarmi

riccardo gavioso ha detto...

@ flo: non sono io, ma un amico di vecchia data che da molto tempo conduce una sua battaglia per rendere il golf uno sport normale... come in quasi tutto il resto del mondo.
Ricordo che fra molte proteste, all'inizio della guerra in Iraq, si riuscì ad organizzare una gara con le bandiere della pace che in ogni buca sostituivano quelle regolamentari... naturalmente ci fu chi si lamentò che così non si riusciva a leggere bene la direzione del vento?!

zefirina ha detto...

l'ho dovuto rileggere due volte oggi sono un po' lenta di comprendonio, spero sia una favola
lo spero proprio

riccardo gavioso ha detto...

@ zefirina: purtroppo è una favola fin troppo vera e senza il lieto fine. Mala tempora...

loreanne ha detto...

Anche ai nani ci ha pensato il governo....... tra Silvius e Brunetta.................

riccardo gavioso ha detto...

non si può lasciare qualcosa nella penna, che ti beccano subito :)

ma loro hanno una statura perfetta, siamo noi che siamo troppo alti ;)

Joe ha detto...

Ricordo che fra molte proteste, all'inizio della guerra in Iraq, si riuscì ad organizzare una gara con le bandiere della pace che in ogni buca sostituivano quelle regolamentari
Gli italiani hanno sempre molto stile. Noi rozzi canadesi abbiamo invece fatto quattro marce per la pace con temperature da -20 a -40.
Risultato: non entrammo nella lurida guerra in Iraq per poi finire nel macello dell'Afghanistan per soddisfare in qualche modo il governo americano.

BC. Bruno Carioli ha detto...

Quando ho letto che "Bondi sta pensando" ho detto, va a finire che è una favola.

flo ha detto...

Credevo fossi tu, comunque molto intraprendente ed originale il tuo amico, peccato che poi ci si debba sempre confrontare con le spiacevoli sorprese dell'idiozia umana :P

riccardo gavioso ha detto...

@ joe: molto meglio l'efficacia che lo stile. Un po' di freddo per risparmiare molti lutti e non sporcarsi le mani di sangue, in molti credo saremmo pronti, ma qui temo bisognerebbe marciare dritti su Montecitorio.

riccardo gavioso ha detto...

@ bruno: da un grande vignettista non poteva che venire una grande battuta :)

riccardo gavioso ha detto...

@ flo: tra l'altro nello sport, e in particolare nel golf, c'è una consolidata tradizione di iniziative benefiche, sempre viste con favore. Che sia l'ennesimo segno che qualcosa sta cambiando... e non in meglio.

Joe ha detto...

ma qui temo bisognerebbe marciare dritti su Montecitorio.
Questo e' quello che io non capisco. Temo bisognerebbe e' troppo timido. Perche' non scendete in piazza e andate davanti al Parlamento in milioni con coperchi e pentole come hanno fatto in Argentina? Fate sentire la giusta musica a questa casta che vi sta rovinando! Stare davanti a un televisore o computer monitor a questo punto non serve piu'. Ci vuole azione, pacifica, ma ferma.

riccardo gavioso ha detto...

@ joe: sono convinto tu abbia pienamente ragione, ma in questo paese a voler fare qualcosa sembra siamo rimasti in tre o quattro blog... un po' pochino per far rumore anche con pentole e coperchi. Mi sa che il diavolo stavolta ha fatto le pentole e ha fatto sparire i coperchi...

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!