Addio Burattino con i Fili!


ci sono poche delusioni cocenti come vedere una persona che hai stimato giocarsi tutto quello da cui nasceva la tua stima: un po’ come trovare un vecchio compagno di scuola addormentato su una panchina in un giardino pubblico.

Edoardo Bennato è stato uno dei cantautori più amati dalla mia generazione. Il suo sarcasmo e la sua rabbia politica ci avevano ammaliato al pari delle sue note. Vederlo a cena, seduto accanto al gran burattinaio di Arcore, a festeggiare il compleanno di Roberto Maroni, mette tristezza. Sentirlo sbandierare la sua amicizia col festeggiato e dichiarare che è nata grazie alla presentazione di Luca Cordero di Montezemolo, la incrementa. Pensare che allo stesso tavolo erano seduti anche Giulio Tremonti, Maurizio Beretta ed Enrico Mentana, la completa. Ma il peggio viene quando al nostro eroe viene presentato il conto della sua coerenza: “ Sono amico di tutti, e alla mia età certe amicizie uno se le può anche permettere… Il Cavaliere? … mi è molto simpatico!”
Sbagliato, caro Edoardo, non è ancora l’età in cui te lo puoi permettere… l’età in cui te lo potrai permettere sarà quando l’Alzheimer si sarà mangiato l’ultima delle tue cellule cerebrali.
Addio Burattino con i Fili!



Sul “Giornale” c’è scritto:
puoi fidarti di me
il peggiore di tutti
si è scoperto chi è
ci ha le ore contate…
ma che bella città…

67 commenti:

Lisa72 ha detto...

Avrei preferito non saperlo... :( Adesso ascoltare le sue canzoni, e farle ascoltare ai miei figli, avrà difficilemnte lo stesso senso :(

Un abbraccio, Lisa

Anonimo ha detto...

ditemi che non è vero.
mi cade un mito.
ditemi che non è vero.

abs/prostata/antiblogger ha detto...

Si sa che lui e Eugenio sono filomonarchici o comunque orientati verso la destra vera (e appunto sorprende che gli piaccia il Berlusca... forse è per via dell'incidente che ha avuto anni fa, e che la scioccato terribilmente, pochi ci hanno fatto caso... non si leva gli occhiali da sole neanche quando va al bagno da allora).

Anonimo ha detto...

Caspita, questa me l'ero persa:
e pensare che solo poche settimane fa ho comprato la versione CD di uno dei suoi album storici versione live.
Cade un mito anche per me.

Anne ha detto...

Caspita, questa me l'ero persa:
e pensare che solo poche settimane fa ho comprato la versione CD di uno dei suoi album storici versione live.
Cade un mito anche per me.

Nicola Andrucci ha detto...

bennato, hai proprio toppato!

Anonimo ha detto...

che personaggio ridicolo !

zefirina ha detto...

noooooooooooooooooooo
non l'avevo visto!!!!
ecco un'altra illusione disillusa, mi ricordo un concerto al gianicolo, festa dell'unità: arrampicata su un albero.....
certo che a una certa.... ci si rincojonisce!!!!! e passatemi il francesismo!!!!

Anonimo ha detto...

nei primi anni '70 fui ad un suo concerto a Torino. Era un quasi sconosciuto e fu contestato dal pubblico per il cachet da un milione di lire che aveva preteso ed ottenuto e per il prezzo del biglietto che allora era uno sproposito. Si difese sostenendo che lui suonava per professione e per denaro.
Enzo

Anonimo ha detto...

Non vi viene mai il dubbio che i veri Coglioni conformisti col cervello inchiodato al '68 siete voi??? Pensateci ogni tanto !!

Anonimo ha detto...

Non riesco a capire come si possa essere tanto squallidi! A parte l'invidia che rode l'anima e il cervello a tanti di voi come si può continuare con questa minestra riscaldata del Berlusconi pirata, egoista, pigliatutto, etc. etc. etc. senza pensare che altri hanno governato per tanti anni senza risolvere i problemi che un "vecchio" come Veltroni dice oggi che si devono e si possono risolvere...e chi è Dio?

Anonimo ha detto...

Non ho visto nulla , non ne sapevo nulla, ma ........ quello che c'e' di bello e' che non me ne importa nulla!!!! Come non mi importa nulla della collocazione (??) di Venditti o di qualsiasi altro.
Suvvia, non fate "gli impresari di partito",

Anonimo ha detto...

CHE VOLETE, PUO' SUCCEDERE ANCHE AI BENNATO DI AVERE BISOGNO DELL'AIUTO DI UN POTENTE. EVIDENTEMENTE HA FINITO I VIVERI CHE SI ERA PROCURATO CON LE FESTEB DELL'UNITA' E ORA VA BENE ANCHE IL BERLUSCA PUR DI MANGIARE

Giuseppe ha detto...

Mette anche me tristezza questa notizia :-( Mmm, non so perchè mi vengono in mente queste parole:

"Un giorno credi di essere giusto
e di essere un grande uomo
in un altro ti svegli e devi
cominciare da zero [...]"

Un caro saluto

jeneregretterien ha detto...

ne ho parlato anche io sabato, dopo aver letto il giornale.
Per noi è anche peggio, Edoardo rappresentava la ribellione. E' un asensazione di solitudine.
http://jeneregretterien.splinder.com/post/16445666#comment

Uyulala ha detto...

Incendiari da giovani, pompieri da vecchi
Di che stupirsi, in fondo?

Chissà perché mi è venuta in mente Ombretta Colli. Povero Gaber, però...

Gaspare Armato. ha detto...

Certo, i tempi cambiano, le idee variano di forma, i personaggi più o meno famosi migrano ...
Eppure Edoardo Bennato era anche il mio idolo, quell'idolo di cui canticchiavo spesso: Sono solo canzonette.

Rino, ringraziando Riccardo.



P.s.: desideravo informarti dell’indirizzo della mia nuova casa: www.babilonia61.com, se vuoi puoi aggiornare il vecchio link con codesto. Grazie. Ti aspetto.

ivo serentha ha detto...

Concordo,una delusione e un atteggiamento quasi incomprensibile, ma del resto il vento del potere soffia a destra, evidentemente di questa compagnia di merende ne avrà bisogno,certamente la dignità con questa esimia compagnia l'ha buttata nel cesso,inserirò il tuo post sul mio spazio, meglio diffondere questo comportamento "sublime"....

Ciao Riccardo,Ivo

GG ha detto...

Questa m'era sfuggita... :o

riccardo gavioso ha detto...

@ lisa72: lui passa, le canzoni restano...

un abbraccio a te :)

riccardo gavioso ha detto...

@ anonimo: te lo direi volentieri, ma purtroppo è vero :(

riccardo gavioso ha detto...

@ abs: purtroppo un uomo si giudica anche dai suoi compagni di merende ;)

riccardo gavioso ha detto...

@ anne: ormai i miti stanno come le foglie in autunno... e dire che è primavera :(

un saluto caduco

riccardo gavioso ha detto...

@ nicola: alla grande! :(

riccardo gavioso ha detto...

@ anonimo: la parabola è dura per tutti, quando diventa discendente...

riccardo gavioso ha detto...

@ zefirina: francesismo più che meritato: più alta la pianta che cade più fa rumore :(

riccardo gavioso ha detto...

@ enzo: temo che la professione se ne sia andata e rimanga solo il denaro ;)

grazie della visita

riccardo gavioso ha detto...

@ anonimo: attendo di sapere a che anno sei rimasto inchiodato tu... anche se un sospetto ce l'ho ;)

riccardo gavioso ha detto...

@ anonimo: l'invidia ahimè è cosa dura: pensa che quando mi faccio una televisione, vado via col cartone e me la carico in macchina per risparmiare qualcosa ;)

riccardo gavioso ha detto...

@ anonimo: non ho ben capito se sei della parrocchia di quelli che ti hanno preceduto o sei un filosofo... nel dubbio, ti ringrazio per la visita

riccardo gavioso ha detto...

@ anonimo: infatti sembra abbia mangiato gratis :) e altro che pacco di pasta ;)

riccardo gavioso ha detto...

@ giuseppe: sono venute in mente anche a me, ma se si trattava di ricominciare da zero, forse le ha prese un po' troppo alla lettera ;)

un caro saluto anche a te

riccardo gavioso ha detto...

@ jeneregretterien: viene a mancare qualcosa...
Ottimo post e ottimo titolo ;)

riccardo gavioso ha detto...

@ uyulala: un pezzo della mia gioventù che mi saluta... purtroppo hai ragione, ampiamente previsto :(

un caro saluto

riccardo gavioso ha detto...

@ Rino: e chi non ha canticchiato tanti suoi brani... chi non ha apprezzato i testi dei suoi primi album :(

aggiorno e vengo subito a curiosare...
grazie Rino

riccardo gavioso ha detto...

@ ivo: grazie Ivo. Hai ragione: prove di salto sul carro del vincitore... mi sa che tra qualche giorno ne vedremo delle belle... ;)

jeneregretterien ha detto...

il salto della quaglia è già disciplina olimpica. Ora aspettiamop il salto sul carro in corsa.
grazie :-)

Anonimo ha detto...

ma ragazzi. nella vita si possono cambiare o no, opinioni.
Se per lui adesso va bene cosi, cosa me ne pùò fregare???
Ho i primi album di Bennato, mi piaceva, era il periodo che ero "sinistro", poi vedendo che si difendevano troppo i lazzaroni ho cominciato a cambiare idea .Ora dopo aver visto anche dall'altra parte sono tornato indietro. Mai "democristiano", ma quando la sinistra smetterà di difendere l'INDIFENDIBILE?
Per me una persona ha diritto ,nella sua vita di cambiare idea, anche un idolo dei nostri tempi giovanili, quello che ha cantato mi è piaciuto, quello che canterà probabilmente no.
Un saluto a tutti.
lo_spillo

riccardo gavioso ha detto...

@ jeneregretterien: ulteriore motivo per un boicottaggio :)

riccardo gavioso ha detto...

@ anonimo: ci mancherebbe che nella vita uno non fosse libero di cambiare idea... lui l'ha cambiata, io l'ho cambiata su di lui e tu l'hai mantenuta... tre libertà non perfettamente coincidenti :)

mikelo ha detto...

Che bisogno aveva dell'amicizia di Berlusconi a fine carriera?

Poi mi date del qualunquista partecipativista quando dico che il problema sta proprio li', nella concentrazione di potere delle democrazie rappresentative e nel mito del successo delle societa' neoliberistiche ben riassunto nel morandiano "Uno su mille ce la fa"...

Mikelo

riccardo gavioso ha detto...

caro amico, don't worry, oggi beccarsi del qualunquista è un gran complimento... prima o poi, si fa un bannerino: blog qualunquista... del resto ci sono precedenti illustri, se non ricordo male...

un saluto qualunquista ;)

ganglio ha detto...

Oddio, ad una cena con quegli invitati non andrei nemmeno sotto minaccia di tortura. Poi, che ognuno di noi abbia un prezzo, è scontato e qualcuno è sempre in saldo tutto il tempo dell'anno.

riccardo gavioso ha detto...

"ogni cosa ha il suo prezzo, ma nessuno saprà, quanto costa la mia libertà! "

ora caro Edoardo, so quanto costa la tua, ma tu non sai ancora quanto costa la mia... ;)

annuska ha detto...

Non si possono dare notizie cosi'all'improvviso. L'ho sempre apprezzato come cantautore, ma adesso dopo questo. L'unica scusa e che purtroppo l'Alzaheimer colpisce a tutte le eta',e lui colpito in giovane eta', non sapeva con chi cenava. Un saluto amareggiato

riccardo gavioso ha detto...

purtroppo, "gli impresari di partito gli hanno fatto un nuovo invito..."

mi dicono che l'ultimo pezzo s'intitola: "C'era un re" ...ottima scelta l'imperfetto: ora il re è nudo!

marisa1 ha detto...

Beh, non è il primo nè sarà l'ultimo, d'altronde le sue sono solo canzonette (da tanti anni anche piuttosto brutte)! E' laureato in architettura, esaurita la vena artistica forse sta venendo fuori quella palazzinara...

riccardo gavioso ha detto...

ottima conoscenza del personaggio: su un album c'era il suo progetto per la metropolitana di Napoli, e concordo anche sul crollo artistico che ha preceduto quello personale... certo che oggi sono a noi che "cadono le braccia"

un saluto senza fili

nido ha detto...

ah, che dolore e che pena mi fa. è un giorno triste. vabbè anche senza di lui il mondo è lieto :))))

riccardo gavioso ha detto...

direi che il mondo può andare avanti tranquillamente senza di lui e senza i suoi compagni di merende ;)

periclitor ha detto...

Ciao riccardo, passato buona pasqua? Ti ho votato No, non conosco bene la storia di Bennato, tranne qualche canzone che mi è piaciuta, non ho è uno dei miei cantanti preferiti, però devo dire una cosa,forse ho capito male io, ma essere si può essere "rivali politici" e amici personali nella vita vero? Se io dovessi incontrare che ne so Garcia Marquez, lo inviterei a cena immediatamente, pur essendo un uomo di sinistra, ma scendendo "più in basso2 (senza offesa) anche te, Carlo etc potete benissimo rientrare in questa "categoria"... giuro, non capisco... cos'è la latta di classe di 40 anni fa?

riccardo gavioso ha detto...

vedi, io a cena potrei andarci con te e, per esempio, con Marcello Veneziani. Forse sono presuntuoso, ma reputo il mio tempo prezioso e a quel tavolo di sicuro andava sprecato ;)

ottima Pasqua, spero anche tu :)

ideateatro ha detto...

Beh, col beneficio d'inventario, penso quali possano essere le sue giuste ragioni per accompagnarsi a tali compagnie; una cosa è certa: è un uomo senza confini, e come disse Gandhi: c'è una ragione per volta, ma basta scoprire dove sta l'emergenza e la sua urgenza. Non siamo tutti uguali in questo mondo, altrimenti figurati la noia. Ma le sue canzoni, le prime fuor di sospetto, sono sempre belle (stavo per dire attuali). A presto.

riccardo gavioso ha detto...

i primi album sono davvero belli, e li conserverò fossi anche costretto a scaricare quelli di Apicella... ;)

ilrosso ha detto...

che pena mi fa, credo che una delle più grandi capacità dell'uomo sia proprio il saper invecchiare... Mamma che tristezza... il vizio di "imborghesirsi" (nel suo senso deteriore) è sempre presente... crollo artistico che ha preceduto quello personale... esaurita la vena artistica forse sta venendo fuori quella palazzinara... L'unica scusa e che purtroppo l'Alzaheimer colpisce a tutte le eta', ormai i miti stanno come le foglie in autunno... Cade un mito anche per me. Oddio, ad una cena con quegli invitati non andrei nemmeno sotto minaccia di tortura. Accidenti, i NAZISTI confronto a Voi erano angioletti, eliminate tutti quelli che vanno a cena con persone a Voi non gradite e senza nemmeno scomodare i concetti sulla razza ariana, peralto da me non condivisi. Saluti, ilrosso.

riccardo gavioso ha detto...

vedi, se l'accusa è quella di essere fazioso, io sono orgoglioso della mia faziosità e non l'ho mai negata... spesso la stessa verità lo è.

non è che dovendo scegliere in Sthendal, hai sbagliato colore? :)

uyulala ha detto...

Incendiari da giovani, pompieri da vecchi

Di che stupirsi, in fondo?

Chissà perché mi è venuta in mente Ombretta Colli. Povero Gaber, però...

lilyth ha detto...

Gaber nella sue evoluzione è una metafora, da giovane, dolce e romantico( non arrossire..) quindi impegnato polemico,combattivo, ricco di ideali e proposte, poi sempre meno convinto, fino alla deriva qualunquista e al voto a FI con la giustificazione della moglie.

E' vero, come dice mia madre,ormai anziana e consapevole dei propri difetti, invecchiando si pensa solo a sè, il proprio mal di schiena eclissa tutti i dolori del mondo, i propri comodi si accordano solo col benessere di chi ci sta a fianco,coniugi, figli e nipoti, ma per il primario ed egoistico pensiero che così ci possono aiutare. Al resto del mondo, ci pensasse qualcun'altro...

La paura della propria debolezza rende ancora più deboli ed egoisti... ma non tutti sono così:ci sono degli anziani maestri di vita giovani per i pensieri e saggi per l'età

Anche le persone sono come il vino, c'è chi sa invecchiare e chi si tramuta irrimediabilmente in aceto

Il nostro Bennato, non è più Pinocchio o Peter Pan è cresciuto, ma non ha raggiunto la maturità , non perchè frequenti certe compagnie, ma perchè pensa sia utile vantarsi di frequentarle

riccardo gavioso ha detto...

molto triste e molto vero :(

ma questi come pompieri sembrano quelli di Bradbury ;)

freeglass ha detto...

Le parabole umane sono imprevedibili, ,le parabole mediaset sono una certezza!

riccardo gavioso ha detto...

davvero molto bravo :)

riciard ha detto...

NO NO NO NO NO NO NO NON CI SIAMO CARISSIMO OMONIMO TI SARESTI MERITATO UN NO ma non per il fatto che io non stimo come te Bennato, gran bel chitarrista tra l'altro, ma per il semplice fatto che hai scambiato una cena reale, per una messinscena della canzone "Il gatto e la volpe". Edo era lì a cantare e basta ;)

riccardo gavioso ha detto...

per il futuro prometto di fare molta più attenzione :)

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Non sapevo di questa notizia. Sono davvero sorpreso e deluso...

Franca ha detto...

E' caduto un altro mito...
Chiuso anche con lui

riccardo gavioso ha detto...

@ daniele: hai scelto gli aggettivi più giusti. Quanto sembra profetico adesso quel "rinnegato" :(

riccardo gavioso ha detto...

@ franca: a cena col gatto e la volpe... speriamo almeno che gli zecchini fossero molti e soprattutto autentici

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!