falegname col martello perchè fai den den? con la pialla su quel legno perchè fai fren fren?


quattromila morti americani dall’inizio della guerra in Iraq… diffidate sempre di chi indossa scarpe troppo lucide!

Certe volte le parole che avresti voluto usare se l’è prese un poeta, e a te non resta che riportarle:

"Falegname col martello perché fai den den?
Con la pialla su quel legno perché fai fren fren?
Costruisci le stampelle per chi in guerra andò?
Dalla Nubia sulle mani a casa ritornò?"

"Mio martello non colpisce, pialla mia non taglia
per foggiare gambe nuove a chi le offrì in battaglia,
ma tre croci, due per chi disertò per rubare,
la più grande per chi guerra insegnò a disertare".

29 commenti:

Nicola Andrucci ha detto...

visto che gli piace tanto giocare alla guerra, perché Bush non imbraccia un fucile e va al fronte? ah già, lui durante il vietnam si era imboscato per non andare a combattere...

Comicomix ha detto...

:-(

Un saluto senza voce, ma con tanta rabbia in corpo

C.

riccardo gavioso ha detto...

@ nicola: temo che gli si potrebbero impolverare le scarpe... forse addirittura macchiare di sangue!

riccardo gavioso ha detto...

@ comicomix: il potere di una foto, e quello della poesia...

un saluto e la stessa rabbia :(

oscarferrari ha detto...

E si parla solo dei 4000 morti americani, ma quanti iracheni hanno pagato con la vita l´esportazione della democrazia? Facendo un terribile paragone, è come se per punire un assassino, si sia sterminata tutta la sua famiglia

riccardo gavioso ha detto...

@ oscarferrari: giusto il tuo richiamo: ho scritto spesso anche dei morti iracheni, finiti anche loro sotto le stesse scarpe.

riccardo gavioso ha detto...

non lo scrivo in latino, come sarei tentato di fare: "fino a quando?"

almeno una volta quelli che dichiaravano la guerra andavano in battaglia a rischiare del loro... oggi si lucidano le scarpe... scusate, dicono a qualcuno che ci sono le scarpe da lucidare :(

annuska ha detto...

Sara'fino a quando l'uomo non sapra' dire: In piena facolta'/ egregio presidente/ le scrivo la presente che spero' leggera'/ la cartolina qui/mi dice terra terra /di andare a far la guerra/quest'altro lunedi'/ MA IO NON SONO QUI EGREGIO PRESIDENTE PER AMMAZZAR LA GENTE PIU' O MENO COME ME Io non ce l'ho con lei/ sia detto per inciso/ma sento che ho deciso e che disertero'. ho avuto solo guai/ da quando sono nato/ e i figli che ho allevato/han pianto insieme a me/ nia mamma e mio papa'/ormai son sotto terra /e allora della guerra non gliene freghera'/Quand'ero in prigionia/qualcuna mi ha rubato,mia moglie e il mio passato/la mia miglior eta'/Domani mi alzero'/ e chiudero' la porta/sulla stagione morta/e mi incamminero'/Vivro' di carita' sulle strade di Spagna, di Francia e di Bretagna /e a tutti gridero':DI NON PARTIRE PIU' E DI NON OBBEDIRE PER ANDARE A MORIRE PER NON IMPORTA CHI PER CUI SE SERVIRA' DEL SANGUE AD OGNI COSTO ANDATE A DAR IL VOSTRO se vi divertira'/ e dica pure ai suoi /se vengono a cercarmi che possono spararmi/ IO ARMI NON NE HO questa bellissima canzoni di Boris Vian interpretata da Fossati rappresenta forse la sola risposta possibile. Con un nodo in gola

lefty ha detto...

Ma come? Non era quello che diceva che la sua guerra stava facendo del bene con un bilancio più che positivo? Dalla sua scrivania al sicuro nella casa bianca però...

riccardo gavioso ha detto...

forse non ha specificato a che bilancio facesse riferimento... a quello di chi ha finanziato la sua elezione è cosa indiscutibile ;)

lefty ha detto...

Certamente! E poi vendendo un po' di armi qua e prendendo un po' di petrolio là...

primlug ha detto...

avevo un fratello aviatore

riccardo gavioso ha detto...

ti ringrazio caro amico, della bellissima citazione, che inserisco nel caso a qualcuno fosse sfuggita:

Avevo un fratello aviatore. Un giorno, la cartolina. Fece i bagagli, e via, lungo la rotta del sud.

Mio fratello è un conquistatore. Il popolo nostro ha bisogno di spazio; e prendersi terre su terre, da noi, è un vecchio sogno.

E lo spazio che s'è conquistato è sui monti del Guadarrama. E' di lunghezza un metro e ottanta, uno e cinquanta di profondità

Bertold Brecht

diabolikdevil ha detto...

[it.youtube.com] Grazie per avermi fatto conoscere questa splendida canzone rick!

riccardo gavioso ha detto...

grazie a te per il link, e grazie a Faber :)

adriano49 ha detto...

"L'ipocrisia è l'omaggio che la verità rende all'errore". George Bernard Shaw

La Persona G.Bush quanta ipocrisia in questi anni!!

riccardo gavioso ha detto...

o forse quanta coerenza, visto dove ha pescato i soldi per salire sul tetto del mondo ;)

molto bello l'aforisma, un caro saluto

fiammifero ha detto...

Quando sento la parola guerra subito mi vengono in mente squarci di carne,sangue,lacrime,possibile che chi si arruola veda solo bandierine e medaglie? Bestie anche chi si arruola volontariamente al grido Armiamoci e Partite!

newkid ha detto...

Alcuni dati e cifre: 40.000 dollari il compenso mensile di un soldato Americano; 400.000 per quello di un "contractor" (i mercenari di Cheney);500.000 il "risarcimento" alle famiglie dei soldati Americani caduti. Il totale? Stiglitz prima e Obama dopo, spiegano molto meglio la situazione indicando nella Guerra in Iraq una delle principali ragioni della tragica situazione economica che stanno attraversando gli USA... Comunque al di là dei numeri e dei costi, è la vita delle persone quella che ci preme (qualunque sia l'appartenenza). E non c'è prezzo! ^_^ un saluto rattristato. f.

riccardo gavioso ha detto...

e, parola di premio nobel, per calcolare i costi sociali che si prospettano per decine di anni bisogna usare termini che abbiamo sentito solo uscire dal becco di Paperon de Paperoni

ricambio il saluto e ringrazio per l'ottimo contributo

doc63 ha detto...

ma prima o poi dici che nessuno si rivolta a questi potenti Cogli...

riccardo gavioso ha detto...

sono piazzisti molto abili, e hanno portato la paura nelle case di tutti gli americani... io credo che un giorno le cose cambieranno, e nella diga inizio a scorgere qualche crepa

doc63 ha detto...

o si nota anche dalle ultime votazioni!!

Franca ha detto...

Proprio oggi ho pubblicato una parte del rapporto "Carneficina e disperazione" pubblicato dai Amnesty International sulla situazione in Iraq. Dati terrificanti...

GG ha detto...

Grande!! ... sono senza parole, non la conoscevo...

Attento, potrebbero dirti che sei un romantico lennoniano senza percezione della realtà!! :O (a me è stato detto.. e sì che lennon non mi piace!)

p.s. sul mio blog ho aderito al boycott Pechino, e ho spiegato perchè)

un saluto!

GG

jeneregretterien ha detto...

Ho sentito dire, ma non so se sia vero, non ho riscontri, che a chi si arruola, negli USA, danno subito un premio di 20 mila euro. Ricordate Michael Moore in 9/11?
Andavano in giro per la provincia americana a reclutare gente che non aveva altre alternative.
Ci pensate quanto possano fare gola 20 mila dollari a gente che muore di fame?

riccardo gavioso ha detto...

@ gg: grande Faber!
Quanto alle critiche sono avvezzo a cose molto più rozze, e ti invidio molto i commentatori così poetici ;)

passo da te a dare un'occhiata e ti ringrazio

riccardo gavioso ha detto...

@ jeneregretterien: mi risultano cifre più alte, ma il punto è proprio quello che sottolinei. Ecco il motivo per cui accantono il mio antiamericanismo e provo pena per quei ragazzi oltre che per i civili iracheni. A vent'anni ero stupido, e ora potrei ritrovarmi anch'io ad essere mezzo stupido... o anche meno, come da foto.
Quello che sanno in pochi, è che ai mutilati, ferma ovviamente la pensione, è stata chiesta la restituzione del premio di ingaggio per il periodo di missione non completata :(

riccardo gavioso ha detto...

@ franca: ho appena finito di leggerli: terribili e sconfortanti.

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!