scacco pazzo?



il 17 gennaio di quest’anno Bobby Fischer ha perso una partita. La cosa non è capitata spesso al grande campione di Brooklyn, e credo che a tutti noi non possa non dispiacere che la partita in questione fosse quella con la vita.
Tutti di Fischer ricordano un immagine vincente, a tratti arrogante. Tutti ricordano la straordinaria vittoria contro Boris Spassky del 1972 nella “Partita del Secolo”, che più che una sfida di scacchi si era trasformata nella versione a tavolino della Guerra Fredda. Le richieste capziose di Fisher agli organizzatori, dopo l’incredibile sconfitta della prima partita, portarono alla perdita a tavolino anche della seconda, e diedero l’idea che il tutto dovesse chiudersi rapidamente in favore del russo. La rimonta che ne seguì e che lo portò alla vittoria finale, è rimasta leggendaria e fece di lui un eroe in tutto il mondo e lo strumento preferito della propaganda nazionale. Nel 1975, le sue nuove richieste regolamentari non furono accolte dalla federazione, e Fischer non si presentò a difendere il titolo che finì nelle mani di Karpov.
La parabola del campione iniziò la sua fase discendente e in breve tempo prese una dinamica rovinosa. Fischer si avvicinò a movimenti religiosi assai discutibili, prese assurde posizioni antisemite e di negazione dell’olocausto, e per errore finì in galera scambiato per un rapinatore. Riemerse dall’anonimato esattamente vent’anni dopo la sfida del secolo per replicarla con Spassky nell’ex-Jugoslavia che era sotto embargo ONU. Fischer sputò sul documento che doveva impedire la sua partecipazione e giocò la sfida, gli Stati Uniti emisero un mandato di cattura internazionale che impedì per sempre al campione di rientrare nel proprio paese.
Nel 2001 esultò dai microfoni di un'emittente radio filippina per gli attentati alle torri gemelle e tre anni dopo venne arrestato all’aeroporto di Tokyo per un irregolarità sul passaporto: in realtà le autorità nipponiche agivano su mandato americano. Il suo vecchio nemico Spassky tentò di intercedere presso la presidenza degli Stati Uniti, chiedendo la liberazione di Fischer, o in alternativa che fosse arrestato a sua volta, visto che si era macchiato delle medesime colpe: unica condizione, la stessa cella e una scacchiera. Ciononostante, Fischer conobbe di nuovo il carcere e, una volta rilasciato, ottenne asilo in Islanda, proprio il paese in cui si era svolta la sfida del secolo oltre trent’anni prima e dove è morto qualche giorno fa per una crisi renale. Quando scese la scaletta dell’aereo che lo portava a Reykjavík, le telecamere inquadrarono la sconfortante immagine di quello che sembrava un senzatetto e l’ombra dell’uomo e del campione che era stato.
La storia di Bobby Fischer suggerisce alcune conclusioni.
Anzitutto ci ricorda che il fatto di volare molto in alto con ali di cera può rendere oltremodo tragica la caduta, e ci conferma la pazzia che sembra affliggere quasi tutti i grandi maestri di scacchi, quasi che il cervello, costretto ad espandersi oltremisura, finisca per cannibalizzare se stesso. Ma soprattutto ribadisce la propensione degli Stati Uniti ad attribuire valore pressoché nullo all’esistenza di una persona, che come mito, consunto fino alla trama dalle lodi, può sempre essere rivoltato e servire altrettanto bene al dileggio: cosa che forse può offrirci una chiave di lettura per altre storie del grande paese crudele.

Per concludere, da questa partita durata una vita, pensate che sia uscito sconfitto Bobby Fisher o gli Stati Uniti d’America?

33 commenti:

DanieleMD ha detto...

L'altro giorno, quando ho appreso della morte di Fischer ci sono rimasto male; le considerazioni finali che fai mi trovano entrambe pienamente d'accordo e mi causano dispiacere...

Gianni ha detto...

Da appassionato scacchista, "conoscevo" Fischer
ma non la sua drammatica storia.
Grazie Rick per avermela fatta conoscere
e averla riassunto in modo esemplare.
E' da anni che non gioco più a scacchi e
visto le tue premesse
("quasi che il cervello, costretto ad espandersi oltremisura, finisca per cannibalizzare se stesso"),
non me ne dolgo :-)

Non credo proprio che il caro Bobby sia stato sconfitto,
... sicuramente i "posteri" gli daranno la giusta e meritata "vittoria"!

Comicomix ha detto...

Ciao Bobby. Ti sia lieve la terra.
:-(
C.

riccardo gavioso ha detto...

@ daniele md: credo che la foto dica veramente tutto... sembra anche lui un reduce di una delle tante guerre a stelle e strisce.

un saluto arroccato

riccardo gavioso ha detto...

@ gianni: caro Gianni, credo che la storia di Fischer ribadisca le immense lacune della nostra informazione: una storia dai mille risvolti interessanti, umani e politici, riscoperta solo dopo la morte del protagonista... un giornalismo fatto di coccodrilli... forse toccherebbe a noi fare il coccodrillo all'informazione.

grazie, e un saluto a fauci spalancate

gianni ha detto...

... il coccodrillo che c'è in te la sta già facendo egregiamente.

riccardo gavioso ha detto...

@ comicomix: credo gli sia capitata una buona terra, certamente più accogliente di quella da cui veniva

un caro saluto

narcomatra ha detto...

Una storia che non conoscevo, e che ti ringrazio di avermi raccontato.
Tragica e significativa

riccardo gavioso ha detto...

ti ringrazio molto, e ne approfitto per segnalare a tutti gli amici un paio di romanzi che trattano di scacchi:

"La novella degli scacchi" di Stefan Zweig
"La variante di Lunenburg" di Paolo Mauresing

Entrambi, oltre che di scacchi, fanno riferimento all'Olocausto, e visto l'approssimarsi del Giorno della Memoria, mi sento di consigliarveli.

in giornata vorrei anche lanciare un'iniziativa legata al Giorno della Memoria e ai libri

un caro saluto

pierinux ha detto...

articolo di primissima qualita' come sempre. grazie

riccardo gavioso ha detto...

come i tuoi due di oggi...

grazie, e grazie a te!

pierinux ha detto...

grazie, ma le mie sono mere traduzioni.
piuttosto, se hai tempo e se non l'hai visto prima, guardati questo: [www.amicidiangal.org] secondo me ti interessa. ciao!

adriano49 ha detto...

amaramente,per me, non ha vinto ne Lui (visto le immagini ultime,non sembra vincitore e come abbia vissuto lo leggeremo quando qualcuno scrivera della vita e allora scopriremmo la verità) ma non ha vinto nemmeno la prepotente Nazione che contrariamente alla sua fama di Libero pensiero per ogni suo cittadino ,voleva imporre solo per mero tornaconto a Robby "Genio pazzo" la sua legge del più forte scontrandosi con le sue idee. un caro saluto e buona settimana Adriano

riccardo gavioso ha detto...

sicuramente la considerazione più giusta: chissà chi dei due se ne è reso conto?

una buona settimana anche a te

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Forse entrambi

Gli USA certamente (tra l'altro io pur amando gli scacchi non conoscevo la vita di Fischer dopo il 1975) ma anche lui per certe scelte poco felici e per come purtroppo si era "ridotto".

Non condivido il passaggio dove sembri sostenere che per forza tutte le grandi menti possono poi arrivare a "cannibalizzare" se stesse.

Restando nel campo scacchistico vorrei citarti un altro grande del "settore" :-))) ossia Kasparov che uscendo da quel mondo a parte che è la scacchiera ha deciso di lottare per la libertà e la democrazia in Russia.

Ha scelto quindi la vita e la voglia di essere con gli altri per ottenere qualcosa per sè, il suo Paese e la sua gente.

E quel "qualcosa" è la libertà, libertà che forse Fischer lontano da quella geometrica e fantasiosa realtà che sono gli scacchi, non sapeva apprezzare e gestire.

Resta cmq un uomo eccezionale che ha sbagliato e che però non è certo stato aiutato per quello che poi ha anche rappresentato per il suo Paese.

Ciao Riccardo
Daniele

Franca ha detto...

E' stato un uomo oltremodo contraddittorio che ha fatto anche della sua stessa vita una contraddizione...

Lupo Sordo ha detto...

Gli Stati Uniti ne escono sconfitti, ma il governo ne esce vittorioso, perché ha ottenuto quello che voleva (purtroppo).

Simone ha detto...

Credo che le persone molto più intelligenti della media si trovino a disagio in un mondo come il nostro e che per questo alcuni finiscano addirittura per uscire di testa.

Simone

Uyulala ha detto...

Non saprei dire chi abbia vinto o perso, né in che modo.
Comunque gli USA non ci fanno una bella figura, come non ce la fanno ogni volta che si mettono contro UN essere umano, con tutta la loro potenza e il loro peso. (Mi viene in mente quanto successe a Charlie Chaplin durante il maccartismo, ma lui era inglese e poteva infischiarsene).

Conoscevo la sua storia, sebbene, non essendo appassionata di scacchi, la conoscevo solo superficialmente. Da persona che ama le storie ti ringrazio per questo appassionato ricordo.

Cristina ha detto...

Io non conoscevo la sua storia e riconosco che la tua è una preziosa testimonianza, sono certa che dai giornali non l'avrei mai saputa.

Grazie, Riccardo, un caro saluto.

Cris

riccardo gavioso ha detto...

@ daniele: quella considerazione era contenuta ne "La novella degli scacchi" di Zweig, ed era quindi più che altro una citazione. Sicuramente ammirevole Kasparov, per i motivi da te ricordati, ma anche lui non se la passa benissimo visto che la gioventù putiniana usa la sua immagine per il tiro al bersaglio.
Fischer ha sicuramente sbagliato, ma credo abbia pagato un prezzo davvero molto alto.

una buona settimana

riccardo gavioso ha detto...

@ franca: hai ragione, ma la sua storia lascia comunque l'amaro in bocca.

una buona settimana

riccardo gavioso ha detto...

@ lupo sordo: da quelle parti capita purtroppo abbastanza spesso... in un modo o nell'altro :)

un saluto sotto scacco

riccardo gavioso ha detto...

@ simone: certamente un'intellingenza fuori dal comune è un bel fardello da portare...

un saluto, senza problemi di quel tipo

riccardo gavioso ha detto...

@ uyulala: e io ringrazio ti molto per aver ricordato la storia di Chaplin, e per averci portato a riflettere come certe cose forse facciano parte di un nuovo maccartismo.

un caro saluto

riccardo gavioso ha detto...

@ cristina: qualche giornale l'ha riportata, ma è stata necessaria la sua morte perchè la storia venisse fuori.

grazie a te, e una buona settimana

Llancalot ha detto...

Due o tre mesi fa, La7 ha trasmesso un documentario sulla vita di Fischer... sono rimasto molto colpito dal personaggio. Temo purtroppo che il suo sia il destino che tocca a molti autentici geni in un mondo come il nostro. I governi li usano, non capiscono e non vogliono capirne la logica, trasformandoli in bombe ad orologeria perchè credono sempre di poterli piegare alla ragion di stato... per poi reagire male quando esplodono, quando questi cercando di affermare se stessi per quello che sono... non semplici strumenti, ma esseri superiori. Anyway... Bobby non ha perso, è andato a giocare a scacchi altrove.

riccardo gavioso ha detto...

@ llancalot: mi fa piacere scoprire che esite ancora qualche emittente che trasmette cose interessanti e mi spiace essermelo perso. E ti ringrazio per l'ottimo commento che ha colto il mio intento di stigmatizzare lo sfruttamento "selvaggio" da parte dei governi di personaggi come Fischer.

grazie anche della visita

nonsolopane ha detto...

Io penso che in Italia si sarebbero comportati pressapoco.
O forse anche peggio.

riccardo gavioso ha detto...

mi auguro di no, ma visto i tempi non mi sento di escluderlo.

una buona settimana

american ha detto...

Solito antiamericanismo da due lire. Era un povero squilibrato anche se geniale a suo modo. RIP

quandoposso ha detto...

Quoto. Se c'è un paese che esalta i veri talenti...
Si continua a non capire la diversa percezione di questioni a noi lontane, tra le ultime righe si parla di 11 settembre

riccardo gavioso ha detto...

al cambio attuale meglio l'americanismo da due lire che quello da due dollari ;)

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!