delitto di TorDiQuinto: le vittime sono tutte uguali, ma qualcuna è molto più uguale (mi rendo conto delle polemiche che susciterà quest’articolo, ma…



…ho preferito sedermi dalla parte del torto, in attesa che l’impatto emozionale svanisca, e qualcuno possa darmi ragione)

La violenza sessuale e la conseguente uccisione della povera donna di Tordiquinto hanno giustamente suscitato un’indignazione popolare senza precedenti, cui lo stato ha finto di adeguarsi con celerità, limitandosi a liberarsi del cerino e a ficcarlo in mano ai prefetti.
Una domanda è quindi inevitabile, per quanto possa apparire inopportuna: nel corso dell’anno, e degli anni che ci siamo lasciati alle spalle, il numero delle donne violentate e uccise è stato drammaticamente elevato. Le vittime si sono ritagliate il loro modesto spazio su stampa e televisioni, in attesa di essere dimenticate e di essere risucchiate in qualche statistica inerente la criminalità. Allora perché il delitto di Roma pare aver smosso le coscienze?
L’ipotesi che preferirei per vera è quella della misura colma: un bicchiere si riempie a lungo di gocce d’acqua, poi deborda senza che l’ultima goccia abbia nulla di diverso da quelle che l’hanno preceduta. Ma se invece la differenza fosse rappresentata dal ceto della vittima, dalla nazionalità dell’assassino, dalle modalità del delitto o dal luogo dove è stato compiuto. O se fossimo di fronte al solito macabro balletto, in cui gli avvoltoi si sono resi conto che un cadavere può valere molti più voti di quanto pesa?
Solitamente le vittime di delitti di questo tipo non sono mogli di ufficiali, ma tossicodipendenti o ragazze di colore arrivate da un altro continente, spesso con l’inganno, per finire su qualche marciapiede di periferia. Per loro, poca indignazione, quasi che le scelte di vita – sempre che di scelte si possa parlare – le abbiano inevitabilmente portate verso una tragica fine.
Tutto questo a livello giornalistico ci può anche stare, e l’importanza di una notizia è strettamente legata al protagonista della stessa. Ma non è un criterio ammissibile a livello giuridico, a meno di non voler affrettarsi a schiodare tutte le scritte che da sempre ci ricordano che “La legge è uguale per tutti“, o lasciarle campeggiare nei tribunali, ma con l’aggiunta: “per qualcuno è molto più uguale”.

26 commenti:

Comicomix ha detto...

Polemiche...perché?
Dici cose di buon senso.
Il fatto è che in Italia il buonsenso non è di casa.
Un caro saluto
Mister X di Comicomix

Lisa72 ha detto...

Mi associo a Mister X, che vorrei sapere come fa ad arrivare sempre primo ovunque ;), sia nel dire che la tua riflessione è cooretta e, secondo me, inappuntabile, sia nel dire che il nostro amato paese ha bisogno di darsi una sistemata e nei modi di esporre le notizie e nei modi di amministrare la giustizia!
Un abbraccio, Lisa
p.s.: tra l'altro a Cagliari nella notte tra sabato e domenica una 34enne è stata violentata e picchiata in auto da un 20enne che si era offerto di riaccompagnarla a casa dopo la discoteca ma, sull'etnia del giovane non c'è tyraccia da nessuna parte... sarà per motivi d'indagine o....??????

Mr.Segnalatore ha detto...

Una riflessione interessante.
Comunque ormai è palese che la legge NON è uguale per tutti, quindi 2 opzioni:
-rivedere e correggere la scritta nei tribunali;
-cambiare il sistema.
Non vedo alternative.

riccardo gavioso ha detto...

@ Lisa: sembra di assistere ad un derby, in cui a seconda di chi commette un reato, una delle due squadre esulta.
Come se non bastassero i politici a strumentalizzare...
Un abbraccio, Riccardo

@ mr.segnalatore: più semplice sostituire le scritte nei tribunali con:

" il torroncino è buono,
se lo paghi tu,
ancor di più " :)
Grazie della visita.

Comicomix ha detto...

@Lisa72. Ho il sorriso più veloce della luce...
Mister X di Comicomix

ricca ha detto...

Ma perchè il comunista deve essere pronto sempre e solo a far polemica? Indignamoci, proponiamo, agiamo in qualsiasi modo, qualunque sia il ceto della vittima o l'etnia dell'assassino, invece di fare sempre e solo polemica!!!

Riccardo ha detto...

Mi associo, e non si tratta di fare solo polemiche, ma di sguardi diversi, differenti angolazioni. C'è chi vede il problema esploso e cerca di fermarlo con nuova violenza e misure correttive (come sempre in Italia) e chi cerca di vedere il problema nelle sue reali dimensioni, per poter arrivare alla radice, quantomeno...
Ho scritto cose molto simili sul mio blog...come dire, trasmissione a blog unificati ;)

http://riciardengo.blogspot.com/

Uyulala ha detto...

Purtroppo le notizie sulle violenze alle donne non sono tanto appetibili. Lo diventano improvvisamente quando c'è qualche elemento "particolare". Può essere la nazionalità dello stupratore, la classe sociale della vittima, magari qualcos'altro. Anni fa per esempio fece scalpore (giustamente) una notizia: venne violentata, seviziata e uccisa una dottoressa che faceva servizio presso una guardia medica.
Eppure non credo che le vittime soffrano in modo diverso... anche se sono, puta caso, delle prostitute...

riccardo gavioso ha detto...

@ ricca: la mia non voleva essere polemica, ma un'analisi dei fatti... sono anche lontano dall'essere comunista.
Grazie della visita.

@ Riccardo: mi sono appena accorto anch'io della trasmissioni a reti unificate: vorrà dire che le affinità letterarie non erano un caso :)
Un saluto.

riccardo gavioso ha detto...

anch'io non credo soffrano di meno...
un saluto e un ringraziamento per le tue osservazioni

riccardo gavioso ha detto...

facile essere frainteso quando si nuota controcorrente. Devo dire che confido molto nella capacità critica degli amici di OKNOtizie, di cui mi dai la prova.

Ti ringrazio. Un caro saluto anche a te.

mr.segnalatore ha detto...

ottimo slogan!

riccardo gavioso ha detto...

lasciamo il link:

[oknotizie.alice.it]

riccardo gavioso ha detto...

sarebbe utile, visto che iniziano ad arrivare i NO, che qualcuno li motivasse con un commento

oloap ha detto...

Sono perfettamente d'accordo con quanto hai scritto. Non è la prima vittima, e neanche lo sarà questo è fuori dubbio, come l'uomo ammazzato sulla pista ciclabile e tante altre che si dimenticano in fretta. Analizzando ad esempio l'aggressione alla ragazza di Roma infilzata in un'occhio sotto la metropolitana dove qualcuno poteva, doveva e aveva il dovere di intervenire, ma se ne sono fregati rendendosi a mio modo di vedere complici dell'assassina. Se fossero intervenuti forse avrebbero potuto salvarle la vita quindi ci sarebbe da farsi tutti un'esame di coscienza, perchè non è la prima volta che pur assistendo a violenze, i cittadini si girano dall'altra parte. Questa vicenda trovo sia molto più grave (senza ovviamente stilare classifiche) dell'aggressione di TOR di Quinto. Spero abbiate compreso cosa intendo dire Ciao Oloap1964J

riccardo gavioso ha detto...

ti ringrazio, e spero che riescano a comprendere anche me: non voglio sminuire l'importanza di quanto è accaduto a Roma, ma rivendicare importanza anche per altri casi che sono scivolati via senza rumore.
Inoltre mi sembra di assistere ad un derby, in cui a seconda di chi commette un reato, una delle due squadre esulta. Come se non bastassero i politici a strumentalizzare...

fradiavolo ha detto...

Ho votato sì perchè son d'accordo con i presupposti da cui parti, ma ci tengo a dire che la mia reazione a quello che è successo (in un altro post e in altre notizie ho chiesto il ritorno della pena di morte) non è dovuta al divario di ceto, bensì all'efferatezza della violenza, insomma questo tizio ha rubato, picchiato seviziato fino alla morte una donna e appena finito di distruggerla nell'anima e nel corpo , l'ha presa e buttata in un fosso come se fosse immondizia....... Mi e Vi chiedo se fosse successo alla vostra donna, a vostra sorella, a vostra madre, a vostra figlia, Voi come reagireste, cosa pensereste? La richiesta della pena di morte è la richiesta di pene dure, certe, inevitabili per comportamenti come questo. Sono stanco di vedere gente che soffre per la cattiveria di alcuni che tanto prima o poi, quasi sempre molto prima, continuano a fare ciò che più li aggrada, impuniti!

riccardo gavioso ha detto...

la particolare l'efferatezza del delitto è una delle ipotesi che avanzavo. Ma abbiamo bisogno di questa per indignarci? Di cosa abbiamo bisogno per affrontare un problema? Il mio non è un intervento buonista, termine che mi fa accapponare la pelle, ma mi domando se a subire lo stesso trattamento fosse stata una prostituta, sicuri che la notizia non sarebbe scivolata i quindicesima pagina e noi saremo qui a scrivere di altro?
Io chiedo che la politica si muova senza speculare, e la giustizia faccia il suo corso tenendo conto solo delle leggi e non dell'opinione pubblica.
Chiedo troppo?

fradiavolo ha detto...

Io mi indigno per come sono trattate le persone a prescindere da razza, orientamento sessuale o politico e lavoro o ceto, non me ne frega nulla dei giornali, voglio che queste atrocità vengano punite con la massima severità a prescindere.

riccardo gavioso ha detto...

concordo sulla massima severità, ma "a prescindere" è imprescindibile

riccardo gavioso ha detto...

devo dire che la percentuale tra voti positivi e negativi è andata al di là delle miei più ottimistiche previsioni. Un plauso agli amici di oknotizie per la loro capacità di accettare anche interventi scomodi

riccardo gavioso ha detto...

E un pensiero per una famiglia che ha saputo affrontare il dolore con un encomiabile senso civico.

fabietto78 ha detto...

condivido ogni tua singola parola! peccato faccia notizia solo il caso clamoroso...

riccardo gavioso ha detto...

ti ringrazio, ma almeno qui si riesce ad affrontare l'argomento sotto un prospettiva leggermente diversa

riccardo gavioso ha detto...

beh, questo è poco ma sicuro ed è una bella cosa!

riccardo gavioso ha detto...

sicuramente una gran bella cosa!

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!