pietre e parole


“ Non dimenticheremo mai lo sterminio degli ebrei, un evento che ha segnato la storia dell'umanità' e dal quale si deve trarre l'insegnamento imperativo che non debbono essere mai più violati i diritti e la dignità di ogni cittadino…” “ Le leggi antiebraiche ”, ha sottolineato Berlusconi in altro passaggio, “ sono ancora avvertite come una ferita profonda, inferta non solo alla comunità ebraica, ma alla intera società italiana… Purtroppo sappiamo come le tragiche conseguenze di queste leggi incivili e disumane abbiano portato a quella che i nazisti, nel loro sciagurato progetto, chiamavano soluzione finale del problema ebraico ”

"La sapete quella del campo di concentramento?", ha chiesto. e subito, incalzante: "Un kapò dice: ’Per foi ho una puona notizzia e una meno puona. Metà di foi saranno trasferiti in un altro campo’. A questo punto tutti gridano evviva e chiedono quale sia la notizia cattiva. ’Qvella meno puona è che la parte di foi che sarà traferita è qvella ke va da qui in giù’, e nel dire questo segna dalla cintola in giù"

( spiegazione della foto: qualcuno non sa che le parole sono pietre, qualcun altro potrebbe non sapere che le pietre non sono parole)

29 commenti:

Ivo Serentha and Friends ha detto...

Sei troppo ottimista Riccardo,le stronzate che ha sparato in questi anni,ormai non si contano,anzi,più ne dice,più lo votano.

E' il risultato del popolo sovrano,a voi le riflessioni,che a me scappa da ridere...

Ciao, && S.I. &&

Anonimo ha detto...

Sbaglierò ma per me non è poi tanto normale. Qualche problema psicologico lo deve avere.

CHE TRISTESS
Prim

Saamaya ha detto...

Lasciamo perdere ovvi commenti: la delicatezza, la classe ed il savoir faire, non dimorano più in certe masse cerebrali.

Uhurunausalama ha detto...

Purtroppo le parole che pronuncia lui non hanno il peso che ci auguriamo abbiano perchè in una società decente ci sarebbero conseguenze per simili cose.

oscar ferrari ha detto...

Purtroppo l Silvio è bravo, con queste barzellette qualcuno lo fa incazzare ma quello che ride lo trova sempre. E sono la maggioranza

riccardo gavioso ha detto...

@ ivo and friends: in quanto a sparare, va via a un katiuscia di brutto ;)

riccardo gavioso ha detto...

@ prim: purtroppo anche gli italiani hanno un bel problema psicologico: si chiama Sindrome di Stoccolma ;)

riccardo gavioso ha detto...

@ saamaya: e a proposito di masse, i mass mediocri sembrano avere un discreto impatto sulle masse ;)

riccardo gavioso ha detto...

@ Uhurunausalama: dici molto bene, dovrebbero esserci conseguenze. Ma con i vari lodi, resterebbero soddisfazioni morali...

riccardo gavioso ha detto...

@ oscar: troppe iene in giro... del resto se c'è ma mangiare anche avanzi, spuntano come funghi.

eldo ha detto...

Mi sono già espresso più volte sulle battute frivole, offensive, fuori luogo ed indecenti di Berlusconi. Avendolo votato ne avverto ancora di più un senso di vergogna e di delusione. Ho seri dubbi che disponga di veri amici che possano consigliarlo su come comportarsi in pubblico tenendo a mente chi è. Continuando di questo passo si farà da solo più male di quello che potrebbero fargli i suoi nemici.

riccardo gavioso ha detto...

questo commento ti fa onore. E non perchè venga nella mia direzione, ma perchè è segno di una, ormai rara, onestà intellettuale!

eldo ha detto...

Riconoscente, grazie.

cactus ha detto...

speriamo che eldo sia buon profeta!

youandus ha detto...

Meno male rick, mi hai levato metà della preoccupazione, solo perchè non ho parole difronte ad un articolo come questo. Grazie!!!

riccardo gavioso ha detto...

@ Youandus: non posso proprio vedere la memoria della Shoah affidata alle parole di un c. che tre giorni fa ci scherzava sopra. E se il titolo è sopra le righe, gli amici sapranno comprendere...

un caro saluto

riccardo gavioso ha detto...

@ cactus: lo speriamo in molti. Del resto la politica è una cosa, il rispetto per il più grande lutto dell'era moderna dev'essere trasversale.

pierpaolobasso ha detto...

A chi non si rende conto che le parole sono pietre, bisogna rispondere mandandogli un massaggio scritto sulle pietre.....taci o buffone....lanciando la pietra a colpirlo affinché il messaggio gli arrivi in testa.

riccardo gavioso ha detto...

dopo il "ridi pagliaccio!" e un bel "taci buffone!" non sarebbe male... molto lirico ;)

wlaverita ha detto...

Il buffone è davvero un buffone?

heriberto ha detto...

no. il buffone, talvolta, fa ridere.

wlaverita ha detto...

Il buffone è come un'onda :avanza, torna indietro..ma solo di un pò.....Mano a mano abitua alle battute,alla sua volgarità...

riccardo gavioso ha detto...

chiedo venia per l'autocitazione, ma non ho saputo resistere:

...e badate bene, non pagliacci o clown. Quella è un’arte nobile. Quella è l’arte di suscitare la gioia e il riso con una lacrima dipinta sulla biacca. Voi non piangete e non fate ridere, voi fate soltanto piangere. E siete lontani anni luce dall’essere artisti da strada… al massimo, e con molto impegno, potete ambire ad essere artisti da fogna. Buffoni. Quegli esseri spregevoli che si beavano della vicinanza al potere, pronti a suscitare il riso volgare con capriole, buffi paludamenti, e più spesso prendendo bastonate dal padrone. Buffoni.

riciard ha detto...

purtroppo inutile chiedere a una giraffa di giocare a Hockey, non saprebbe come fare. Metafora...

riccardo gavioso ha detto...

mi consenta, ma le metafore con le giraffe non mi sono mai piaciute!!! ...e se continua così, le militarizzo il condominio ;)

livelybee ha detto...

così come non si può cavare sangue da una rapa

riccardo gavioso ha detto...

o, viste le ultime esternazioni, da un ar"rapato" ;)

Franca ha detto...

Che cosa potrei dire sul nostro PdC che non sia già stato detto?

riccardo gavioso ha detto...

@ franca: senza parole... non le merita

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!