per aiutare una madre ad avere almeno giustizia...


Ringrazio Daniele per avermi voluto coinvolgere in questa iniziativa.

Sono qui per un appello: aiutiamo la madre di Niki, Ornella Gemini a far sentire la sua voce per chiedere giustizia per suo figlio. La storia molti di voi credo che la conoscano già (per chi invece non ne sapesse nulla vi rinvio qui ) ma cmq anche qui sotto troverete il link al suo blog dove racconta i fatti e gli sviluppi degli stessi ed il link alla videointervista rilasciata a Beppe Grillo.

Quello che io e l'Incarcerato vi chiediamo è di inviare una mail, il cui testo trovate qui sotto in fondo al post, a Santoro per chiedergli di occuparsi del caso della morte del figlio di Ornella.

Mi appello al vostro buon cuore, basta un piccolo copia-incolla ed un click.

Mi appello a voi con l'unico modo che conosco meglio, la poesia:

AIUTIAMO ORNELLA GEMINI!

Spazio chiuso
Silenzio disperato
Diritti negati.

Ed una madre perde suo figlio
Senza una ragione

Le dicono: "Suicidio"
Ma i fatti non tornano.

Ed oggi sono qui a chiedervi solidarietà
Per aiutare una madre
Affranta dalla perdita del figlio
Ad avere almeno giustizia.

DANIELE VERZETTI, ROCKPOETA


IL TESTO DELLA MAIL da inviare da subito alla redazione.annozero@rai.it

OGGETTO: Verità per Niki!

Stimatissimo signor Santoro,
chi le scrive è un comune cittadino che ha deciso di non rimanere più indifferente ai continui soprusi ai quali quotidianamente assiste in maniera inerme. Ho deciso di scriverle innanzitutto per porle l'augurio che continui con la sua trasmissione che considero un importante e vitale polmone di verità in mezzo a tanto degrado dell'informazione.
Le vorrei chiedere con grande convinzione che lei si occupasse di un fatto grave accaduto di recente. Qualche tempo fa ne parlò Grillo, alcuni giornali ne riportarono la notizia, ma poi più niente. Buio totale. E c'è una madre sofferente che invoca giustizia. Suo figlio, Niki Aprile Gatti, era stato arrestato preventivamente per truffa telefonica, lavorava
in una società di San Marino, fu trasferito direttamente nel carcere di super sicurezza a Sollicciano.
Dopo tre giorni fu ritrovato morto. Dicono suicidato. Ma la madre è convinta, anche grazie ad alcuni elementi, che il ragazzo sia stato ucciso.Perchè? Forse la verità andrebbe ricercata proprio nell'inchiesta, purtroppo volutamente bloccata, di de Magistris. Le chiedo, signor Santoro, di contattare la signora Ornella Gemini, madre di Niki, tramite il suo
indirizzo: mondadori.avezzano@gmail.com, ha aperto anche un blog: http://nikiaprilegatti.blogspot.com/ e la esorto a trattare l'argomento tramite la sua trasmissione.
Per maggiori dettagli qui c'è il racconto della signora e qui la video intervista

Con stima,
Segue firma nome cognome.

24 commenti:

samantha ha detto...

inviata...
(manca un puntino tra redazione ed annozero!)

riccardo gavioso ha detto...

@ samantha: grazie davvero, per invio e correzione. Provvedo subito!

Bruno ha detto...

grande riccardo.....
ricevuto ieri il messaggio dall'incarcerato e direttamente dal blog di ornella.....inviata
ciaooooooooooooooo

isline ha detto...

Spero che questo appello abbia successo...

Crocco1830 ha detto...

Sono stato coinvolto dall'incarcerato e subito ho provveduto all'invio.
Speriamo possa essere fatto un barlume di luce in questa vicenda oscura.

Franca ha detto...

ò anch'io l'e-mail personalizzando il testo per chiedere verità e giustizia per tutti gli episodi analoghi...

l'incarcerato ha detto...

Grazie Riccardo per aver aderito all'iniziativa, chissà se qualcosa riusciamo a cambiare partendo dal basso?

..:: Symbian ::.. ha detto...

scusate l'OT:
Scambio link ricambiato.

A presto.

http://cristianbelcastro.blogspot.com

Blogger ha detto...

Lo farò, ora.
Blogger

Ivo Serentha and Friends ha detto...

Il blog Freedom,gli amici insieme al titolare,si fanno carico della memoria del povero ragazzo,anche noi abbiamo inserito un post a riguardo,non mancheranno le mail di sensibilizzazione verso Michele Santoro,sperando di far piena luce sulla tragica storia di Niki,sapendo a priori di toccare muri di gomma,altri fatti molto simili si sono verificati in questi anni ed i misteri sono rimasti insoluti,ma la toccante storia raccontata dalla mamma nel video inserito da noi,ci ha scosso,umanamente è davvero struggente.

Grazie dell'imbeccata inserita da te,Riccardo.

Gli amici Freedom

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

RICCARDO GRAZIE!!!!!!!!!

Joe ha detto...

Ero a conoscenza di questo fatto riportato mesi fa su un Blog. Non e' successo nulla nel frattempo. Sembra incredibile, comunque non dovrei piu' stupirmi di quello che avviene o non avviene in Italia.....

Martina Buckley ha detto...

Anch'io conoscevo già questo fatto e pensavo che qualcosa fosse già partita. La solita storia.
comunque mando anch'io l'email per solidarietà.

riccardo gavioso ha detto...

@ bruno: grazie Bruno, efficientissimo :)

una Buona Domenica

riccardo gavioso ha detto...

@ isline: lo spero anch'io, credo che una madre che ha dovuto affrontare il dolore più grande abbia il diritto di conoscere come sia potuto avvenire...

una Buona Domenica

riccardo gavioso ha detto...

@ crocco1830: non mi piacciono le zone d'ombra: in questo paese le poche volte che si è riusciti a far luce i contorni erano anche peggio di come temevamo.

una Buona Domenica

riccardo gavioso ha detto...

@ franca: vero Franca, ci sono altri episodi molto simili, e tutti meritano un po' di luce.

grazie e una Buona Domenica

riccardo gavioso ha detto...

@ l'incarcerato: lo spero davvero. Sembra che l'iniziativa abbia avuto ottimi riscontri e mi ha dato modo di conoscere il tuo ottimo blog di cui avevo sentito parlare.

una Buona Domenica

riccardo gavioso ha detto...

@ symbian: grazie, e una Buona Domenica

riccardo gavioso ha detto...

@ blogger: grazie dell'aiuto, e una Buona Domenica

riccardo gavioso ha detto...

@ ivo and friends: grazie a voi dell'aiuto. E' vero, i casi del genere, opportunamente occultati dalla stampa, non sono pochi, e giacciono dimenticati.

una Buona Domenica

riccardo gavioso ha detto...

@ daniele: grazie a te, Daniele. E una Buona Domenica.

riccardo gavioso ha detto...

@ joe: ricordo davvero pochissime volte che su episodi del genere si sia fatta un minimo di luce e l'indifferenza dei media non aiuta...

una Buona Domenica

riccardo gavioso ha detto...

@ martina: dalle carceri dovrebbe essere difficile uscire, ma nelle nostre sembra ancor più complicato entrare a dare un'occhiata a quel che succede. A meno che non ci si accontenti della solita visita guidata che i nostri pennivendoli amano tanto :(

una Buona Domenica

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!