la vignetta di Giulio Laurenzi: 360°, il PD si rinnova...

12 commenti:

Joe ha detto...

Devono essere tutti giapponesi! In Giappone devi avere sempre in tasca un goniometro per non sbagliarti sull'angolo corretto. Se esageri, l'inchino molto inclinato diventa una sfottitura. Se l'inchino e' poco angolato (ad esempio per un superiore) rischi di essere licenziato....

Davide ha detto...

si sono d'accordo sul rinnovamento e sulla posizione classica, l'importante è aver abbandonato la posizione a Pecorella.

Ciao.

riccardo gavioso ha detto...

@ joe: caro amico, qui anche senza goniometro si prende tutto... Ma l'angolo è proporzionale alla statura dell'interlocutore? ...perchè con Brunetta mi toccherà allenarmi ;)

riccardo gavioso ha detto...

@ davide: e come non apprezzare la plasticità del salto mortale alla Villari

Pietro ha detto...

una posizione molto sfavorevole...

Joe ha detto...

riccardo, secondo quello che dici con Brunetta si parlerebbe di vera e propria acrobazia con testa in giu' e piedi in su! ;-))

Franca ha detto...

Se si fa un giro di 360° si ritorna esattamente al punto di partenza...

riccardo gavioso ha detto...

@ pietro: indubbiamente, ma considera gli anni d'allenamento ;)

riccardo gavioso ha detto...

@ joe: il mitico ribaltone :)))
no problem, in Italia siamo allenatissimi anche in quello ;)

riccardo gavioso ha detto...

@ franca: gattopardismo geometricopolitico ;)

Antonella ha detto...

ma che bella vignetta. la posso prendere?

riccardo gavioso ha detto...

@ antonella: la vignetta è dell'amico Giulio Laurenzi (http://iltratto.splinder.com/), prendila pure per uso personale.

e grazie della visita :)

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!