(il postino delle sei) - come possiamo rendere la guerra in Iraq maggiormente eco-compatibile?



apprendo dall'ottimo blog di un amica irlandese, che vi consiglio di visitare, che gli americani amano scherzare sulla guerra in Iraq e s’interrogano su come renderla più eco-compatibile.
Sicuramente l’argomento è complesso, e, se arrivare ai tank biodegradabili può richiedere il suo tempo, suggerirei di iniziare con la raccolta differenziata dei cadaveri: vanno divisi per religione e etnia, sunniti, sciti e curdi ben separati, i bambini nel “fresco”, e agnostici o atei nell’indifferenziata. Quanto alla tortura è da preferire il “waterboarding” a quella tramite elettricità.

Ovviamente questa è una provocazione e nasce dal fatto che ormai la guerra in Iraq è completamente sparita dai nostri telegiornali. Volevo capire se davvero non interessa più a nessuno, se è già tempo di riderci su come nei programmi anglosassoni, o d’ignorarla come nei nostri.

Avviso che l’assenza di commenti sarà interpretata come tacito assenso al comportamento dei nostri giornalisti

40 commenti:

Comicomix ha detto...

Ma perchè c'è una guerra in Iraq? Un'altra?
Ma non era stata dichiarata la vittoria, già un paio di anni fa?

NOn mi sembra che ci sia da sorridere...

:-(

Lisa72 ha detto...


Volevo capire se davvero non interessa più a nessuno,
se è già tempo di riderci su come nei programmi anglosassoni,
o d’ignorarla come nei nostri.


Purtroppo temo che la tua prima ipotesi sia la più reale... almeno per coloro che dovrebbero occuparsene, in tutti i sensi!

Un saluto, Lisa

Franca ha detto...

Bhè, direi che la tua differenziazione è sufficiente, perchè separare i morti tra militari e civili mi sembra inutile: si differenzierebbe poco dato che stanno praticamente tutti dalla stessa parte!

Davide ha detto...

ma non saprei, forse perchè pensano di averla già vinta, forse perchè se parlano di guerra sono stipendiati dal Pentagono, forse
per renderla più eco-compatibile al posto dei soldati manderei Bush a combattere da solo , a cercare cosa Bin Laden le armi chimiche batteriologiche ...

adriano49 ha detto...

Caro Rick,ti ricordi i primi sequestri di persone i Sardegna??Le prime centinaia di milioni richiesti come riscatto? Tutto questo anni 60/70 del secolo scorso tutti a parlarne per giorni e mesi ecc. Adesso se non c'è qualche cosa di eclatante ,un piccolo servizio e nulla più,non fa notizia ....lo stesso per la guerra in Iraq,se non ci sono centinaia di morti nessun trafiletto nei nostri quotidiani...
Buon 1 Maggio

riccardo gavioso ha detto...

@ comicomix: molto poco da sorridere,

d'altra parte, spesso il buon gusto non è dote di cui sian colmi gli anglosassoni.

un saluto indignato

riccardo gavioso ha detto...

@ lisa72: scaletta dei telegiornali di stasera:

primo giorno di scuola di Fini:

bravissimo bravo bravino potrebbe fare di più

primo giorno di scuola di Schifani:

bravissimo bravo bravino potrebbe fare di più



stupro nostrano, ma d'importazione

stupro austriaco, ma senza insistere troppo che poi ci tolgono la Sacher e Moretti chi lo sente

traffico per il ponte

previsioni tempo per il ponte

nuovo record dollaro e benzina

un abbraccio, Riccardo

riccardo gavioso ha detto...

@ franca: giusta osservazione, le guerre sono diventate "intelligenti" come quelli che gli danno il via, ma il prezzo continuano a pagarlo sempre i civili.

buona festa

riccardo gavioso ha detto...

@ davide: le armi c'erano, ma anche loro si sono biodegradate ;)
Quanto allo smaltimento di Bush, ti invito a riflettere sul fatto che nelle nostre case, da diversi anni ormai, esiste uno strumento dedicato e molto efficiente ;)

buona festa

riccardo gavioso ha detto...

@ adriano 49: ricordo bene quel periodo, anche il mio datore di lavoro era stato sequestrato. Quanto all'Iraq, purtroppo anche all'orrore ci si abitua, e la normalità è l'opposto della notizia. Poi oggi abbiamo cose bel più importanti di cui occuparci: hanno messo online i redditi degli italiani :)

buon 1 Maggio anche a te

tempimoderni ha detto...

ma stanno delirando tutti???!!! ma come si fa a dimenticare una guerra che è ancora in corso e dire ste ca.....!ovviamente l'italia è serva di bush e con berusconi al governo è normale che la guerra sia scomparsa dai telegiornali:fa molto più tendenza criminalizzare la totalità degli immigrati e incutere paure in tutti noi.

riccardo gavioso ha detto...

commento perfetto: mesi di stupri d'importazione e c.azzate nostrane ci attendono

babilonia61 ha detto...

Le guerre sono come la moda, un vestito passa di moda col nuovo anno. Bisognerà che qualcuno ne prepari un'altra, affinché venga in televisione.

Rino.

saturninox ha detto...

oppure parte un revival.. perchè non tornarci, in Irak? Già il novello ministro per le colonie ha dichiarato che in afganistan "finalmente potremo cambiare le regole d'ingaggio.." a quando le prime bare?

babilonia61 ha detto...

Saturninox, hai colpito nel segno, a quando le prime bare?. Ecco a cosa serve loro la guerra, arricchirsi, mentre per gli altri è semplice morte. Buona serata. Rino

riccardo gavioso ha detto...

ho sempre amato la definizione "regole d'ingaggio"... niente ipocrita, quasi come "morti bianche"

riccardo gavioso ha detto...

anche i fatturati calano, inevitabilmente... staranno già preparando un nuovo pretesto...

un saluto allure free

tempimoderni ha detto...

praticamente non la accendiamo nemmeno più la tv:tanto la scaletta è sempre quella,in primis l'elogio a questo gran bel governo;però alla domenica cambia:la ferrari in primis.. che tristezza!

riccardo gavioso ha detto...

siccome bisogna trovare un lato positivo in tutte le cose, pensa come migliorerà il dialogo serale in famiglia intorno al desco ;)

tempimoderni ha detto...

da paura direi! ;) mi chiedo se ci sono famiglie che dialogano sul serio,visto i problemi che hanno spesso gli adolescenti;mi sa che si preferisce dedicare il tempo a quei gran bei programmi alla cesaroni:quella sì che è una vera famiglia...

riccardo gavioso ha detto...

temo e credo tu abbia perfettamente ragione :(

riciard ha detto...

se non sbaglio la trasmissione è satirica e pungentissima, non ricordo il nome del conduttore ma è un cane da guardia di bush, un luttazzi all'ennesima potenza, per cui, niente contro di lui, anzi. Sui nostri giornalisti... esistono? davvero? e dove?

riccardo gavioso ha detto...

ti ringrazio per l'aiuto a inquadrare la trasmissione che non conoscevo, se morde i polpacci seriamente la terremo presente. I pochi rimasti sono in Bulgaria a studiare cirillico per preparasi per il nuovo editto ;)

nonsolopane ha detto...

Forse trasformandola in un reality diventerebbe più interessante...

riccardo gavioso ha detto...

l'idea è buona... e chi vince torna a casa sulle sue gambe.

mikelo ha detto...

Le mie idee in proposito su come far finire tutte le guerre le conosci: un assetto geopolitico stabile, un'economia che tenga conto dell'ambiente e basata sulla "responsabilita'" di ogni Stato.

Ho scritto il commento per differenziarmi, come dici giustamente dai giornalisti "cisoceanici" e "transoceanici".

Mikelo

riccardo gavioso ha detto...

si le conosco bene, e invito chi non le conoscesse a prendere visione del tuo ottimo libro.

buona festa

mikelo ha detto...

Grazie altrettanto :-)

Mikelo

annuska ha detto...

I soliti maligni! Non avete pensato che se la rendono biodegradabile, forse sparira' per sempre. Lo fanno solo per il nostro bene, e per il loro ....portafoglio Saluti molto biodegradabili

riccardo gavioso ha detto...

come saprai, loro a biodegradare sono bravissimi: per esempio i morti tra i "contractors" non figurano nelle statistiche ufficiali.

ottima idea quella dei saluti... iniziamo dalle piccole cose ;)

Martina Buckley ha detto...

Consiglio la lettura di The Onion (http://www.theonion.com/), vetriolico online magazine statunitense da cui è tratto il video, a chiunque voglia trarre degli esempi di satira politica all'ultimo sangue, che non risparmia niente e nessuno :) Il clip inoltre inquadra il problema della tortura su cui Bush pacificamente glissa senza però negare che venga praticata regolarmente a Guantanamo bay (e non solo).
A volte il sarcasmo graffiante riesce ad attirare l'attenzione più di un proclama.

Joe ha detto...

Davide ha ragione. Nel 1638, durante l'assedio di Bagdad, il sultano Ottomano Murad IV decise di risolvere l'esito incerto dell'assedio sfidando il piu' forte guerriero nemico con il patto che il vincitore avrebbe vinto la guerra. La forza di Murad era enorme e non ebbe difficolta' ad uccidere il nemico. Io propongo che Bush faccia lo stesso. Lo mandino a Bagdad a sfidare il piu' forte guerriero iracheno. Vinca il migliore......

Audrey ha detto...

Sai quante sono le guerre dimenticate nel mondo? Guerre di cui nessuno parla perchè non attirano, non fanno tendenza, guerre silenti ma non per questo meno saguinose e cruente.
Ma ormai ..sai come funziona no? Se non passa in TV non esiste.
Ciao, caro Rick un abbraccio e buon I° maggio. che quest'anno sarà un po' diverso..chissà perchè...

il Russo ha detto...

Buon primo maggio Riccardo!

carpielli ha detto...

potrebbero fare come in Cambogia ai tempi di Pol Pot, piantare un albero sopra ad ogni cadavere, così si giova anche al problema dell'effetto serra. ciao.

riccardo gavioso ha detto...

@ martina: ti ringrazio perchè non li conoscevo, e vedrò, compatibilmente con mio pessimo inglese, di seguirli... sono irresistibilmente attratto da tutto quello che graffia :)

buon 1 Maggio

riccardo gavioso ha detto...

@ joe: sottoscrivo la tua proposta. Quanto a quel che resterà di Bush, non è il caso ce lo rispediscano indietro ;)

buon 1 Maggio

riccardo gavioso ha detto...

@ audrey: mi ero documentato qualche tempo fa, e il numero è impressionante.

un abbraccio e un buon 1 Maggio a te... in effetti quest'anno acquista il fascino della trasgressione... ahimè :(

riccardo gavioso ha detto...

@ il russo:

grazie, e un buon 1 Maggio a te

riccardo gavioso ha detto...

@ carpielli: l'idea è buona, ma saremo già a livelli di una giungla impenetrabile :(

buon 1 Maggio

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!