(il postino delle sei) - Il filmato che segue può urtare la sensibilità di molti... o almeno, lo si spera!


“Condolcezza” Rice, con la consueta sensibilità che credo nessuno possa negare all’amministrazione Bush, ha definito tutto questo: “situazione preoccupante”.
Il mio scopo però, non è tanto quello di cercare di focalizzare l’attenzione sulla immane tragedia del Kenya, cosa peraltro assolutamente doverosa, quanto il fatto di comprendere se l’utilizzo di immagini come quelle che vi proporrò siano un’inutile speculazione o possano favorire la scelta di un aggettivo più consono.
Quindi questo post, che precede quello che domani intendo dedicare all’argomento, ha bisogno del vostro aiuto: se ritenete che certe immagini possano indurre qualcuno a comprendere cosa sia una “situazione preoccupante”, votate ok, se lo ritenete inutile, propendete per il no. In entrambi i casi una motivazione sarebbe di aiuto a molti…

Il filmato che segue non è adatto a tutti e può urtare la sensibilità di molti. Prendetene visione solo dopo aver attentamente considerato questo avvertimento.
(il discorso si conclude qui)

40 commenti:

Comicomix ha detto...

:-(

Franca ha detto...

Io credo che la crudezza delle immagini aiuti a riflettere, altrimenti sembra sempre di parlare di cose non reali, troppo distanti da noi per soffermare la nostra attenzione

Nicola Andrucci ha detto...

barbarie, questi non meritano di essere chiamati esseri umani. Avrei parole molto più dure, date dalla rabbia delle immagini, quindi mi fermo qui.

riccardo gavioso ha detto...

@ comicomix: quanta ributtante violenza può esserci in un bastone più che in decine di bombe... strano, vero?

:(

comicomix ha detto...

No, non è strano. Scusami ma sono rimasto talmente di sasso che mi trovo (per me non è normale...) assolutissimamente senza parole. Credo che questo crudo filmato dovrebbe essere visto da tantissime persone. Perchè dietro i numeri sciorinati dai telegiornali ci sono QUESTE scene. Terrbile.
Scusami ancora.
:-(

riccardo gavioso ha detto...

@ franca: come scrivevo da un'altra parte, senza certe immagini, specie in un paese distratto da baruffe chiozzotte elettorali, temo che le vittime finiscano per essere solo "numeri da scaricare".

riccardo gavioso ha detto...

@ nicola: hai ragione sono immagini che mettono rabbia, ma la rabbia può essere utile, se spesa correttamente. E poi ricordiamoci sempre del contesto, e di come questo contesto faccia molto comodo alla parte di mondo che conta.

una buona serata

rossaura ha detto...

Preferisco vedere la realtà piuttosto che immaginarla....
Quanta vita sprecata.

riccardo gavioso ha detto...

ti ringrazio per il contributo... poi qualcuno sarà così gentile da spiegarmi perchè invece di votare no al mio post, abbia colorato di rosa il commento di Rossaura...

un saluto perplesso

rossaura ha detto...

ci sono alcune persone che mi amano alla follia.... pensa che prendono nota su un blocchetto di alcune mie frasi, ovviamente estraniate dal contesto e me le ridicono dopo settimane.... che dici è un successo?
Per fortuna che non mi sento perseguitata, anzi mi diverto...

riccardo gavioso ha detto...

concordo in pieno: molti nemici? ...più onore che onere ;)

larassa ha detto...

Diffondere questo tipo di immagini è sicuramente utile ma soprattutto coraggioso.
Bella azione.

riccardo gavioso ha detto...

ti ringrazio molto. Il mio timore, che è quello dell'amico Carlo, è che le vittime, senza queste immagini, finiscano per essere solo "numeri da scaricare".

una buona serata

doc63 ha detto...

questo é il classico esempio di che razza animale é fatto il genere umano, scene cosí in natura,tra animali della stessa razza non esiste!!

riccardo gavioso ha detto...

forse perchè gli animali non sanno cosa sia il denaro... e quando è molto o poco la violenza ha il sopravvento.

una buona serata

Lupo Sordo ha detto...

La violenza può scaturire da una bomba o da un semplice bastone. Per me devi mettere le immagini, naturalmente avvertendo prima la loro crudezza.

riccardo gavioso ha detto...

@ lupo sordo: a volte quando inserisci l'avvertimento sembra che tu volgia fare un giochetto per richiamare l'attenzione. Ritenngo comunque giusto farlo.

una buona serata

GG ha detto...

Il filmato è terribile, ma necessario.

Aspetto con interesse il post di domani.

GG

riccardo gavioso ha detto...

@ gg: sì, davvero terribile!

grazie, e un saluto notturno

mirino ha detto...

E tutti questi a causa delle ambizioni di due uomini che al mio avviso non sono in nessuna maniera abbastanza degni del posto ambito.

riccardo gavioso ha detto...

e che sono portatori di interessi economici, ancor meno degni, di qualcun altro

una buona serata

tizy ha detto...

Dopo il suo sangue, la cosa migliore che un uomo può dare di sé è una lacrima.
Jim Morrison

Riccardo, penso che un pò tu mi conosca e capirai il motivo se ti dico che non sono riuscita a vedere fino in fondo il filmato. Ma ho compreso le tue parole, il tuo messaggio di profonda presa di coscienza per tutti noi.
Grazie come sempre, Tiziana.

riccardo gavioso ha detto...

grazie Tiziana,

la citazione è davvero molto bella, come il fatto di aver diviso con noi i tuoi sentimenti. Il mio timore, quando inserisco certe immagini, è proprio il fatto che finisco per colpire quelli che non hanno bisogno di essere sensibilizzati, e manco quelli che ne avrebbero.

una buona serata

primlug ha detto...

Non ce l'ho fatta a guardare, essì che non mi impressiono, ma non lo so sto invecchiando. Questa barbarie gratuita mi prende lo stomaco.
E il senso di impotenza mi innervosisce. Non ho lo sguardo della Rice e nemmeno la sua freddezza.

riccardo gavioso ha detto...

caro amico, mi sa che stiamo invecchiando tutti... e mica bene :(

Pensa che pur avendo maneggiato il link, anch'io non ho avuto il coraggio di guardarla una seconda volta... il senso d'impotenza colpisce davvero allo stomaco.

una buona serata

primlug ha detto...

caro rick spero sempre che gli uomini si ricordino di non essere bestie.
Buona serata anche a te

nonsolopane ha detto...

Si è assolutamente terribile, ma non posso fare a meno di pensare ad una certa analogia con la nostra Italia, sebbene non ci sia guerra civile, ci sono altre guerre : di mafia, fratelli uccisi insieme con la lupara, faide interne che finiscono di svolgersi all'estero, uccisioni d'onore che non si possono giustificare. Eppure siamo un paese civile e progredito, così sembra!
Mi congratulo con te, riesci sempre a promuovere delle sensibilità magari assopite.

riccardo gavioso ha detto...

come dicevamo con l'amico Carlo, alla violenza delle bombe e dei missili siamo ormai assuefatti... quella del bastone colpisce veramente allo stomaco.

grazie e una buona serata

loris ha detto...

Grazie per l'avvertimento Ho visto il filmato ed il sapere che non è la scena di un film ma una realtà fa stare molto male, ma quello che è peggio sono i motivi di quella atroce morte, rivalità di bande....

riccardo gavioso ha detto...

indubbiamente fa stare male, ma non dimentichiamoci che le bande si combattono per sottrarsi qualche pezzo di povertà.

una buona serata

vique ha detto...

Ric ho visto che come noi sei tra i blog scelti come migliori nella categoria giornalismo
stai facendo qualcosa?noi niente!lo abbiamo saputo oggi e io ho il mouse che cammina da solo per l'emozione;
:)

riccardo gavioso ha detto...

congratulazioni!

ho fatto un post sul mio blog con l'elenco degli amici di oknotizie nominati e l'ho inserito qui stamattina, ma è andato perso un po' nella confusione.

E poi ho votato tutti gli amici nelle rispettive categorie e uno nella categoria giornalismo, ma non dirò mai quale nemmeno sottotortura ;)

una buona serata e ferma il topo, mi raccomando :)

virtualblog ha detto...

Il vero pericolo nel vedere filmati come questo, non è oggi ma domani, quando l'assuefazione alla visione di violenze, omicidi, guerre, avrà preso il sopravvento su tutti. Arriverà il giorno in cui nessuno reagirà a gesti violenti perché ogni azione violenta, farà parte integrante del nostro vivere quotidiano.

riccardo gavioso ha detto...

è una tecnica adottata dagli avvocati americani: far vedere, con qualche pretesto, centinaia di volte la scena di violenza per creare assuefazione nella giuria. Quindi il rischio esiste... è innegabile.

una buona serata

virtualblog ha detto...

Infatti. Buona serata a te.

marisa1 ha detto...

Avevo già visto questo filmato e non l'avevo dimenticato. Bisogna far conoscere la verità, sempre.

riccardo gavioso ha detto...

indubbiamente la verità è sempre la cosa migliore... anche quando fa molto male.

un saluto notturno

mikelo ha detto...

C'e' anche, in questo momento, un articolo [oknotizie.alice.it] postato da Pierinux sul Kenia.
Dall'articolo si capisce che le ragioni di questa guerra civile sono tante e complesse. E le conseguenze sono orribili, come mostra il filmato di rickgav.

Mikelo

riccardo gavioso ha detto...

a tuo parere, quale sarebbe il miglior modo per intervenire in situazioni come queste per evitare un altro Ruanda?

un saluto notturno

GattaNera ha detto...

Le immagini sono tremende... impossibile rimanere impassibili.

Ma dopo averle viste ed, inavitabilmente, essere partecipi del dolore della vittima mi sono chiesta quali siano veramente le vittime di questo ennesimo conflitto razziale.

Come si deve vivere, quasi in branco, con l'odio come motore della propria vita?

Paola

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!