" l'uomo è un lupo per l'uomo "

(di questi tempi sembra impossibile far parte di un gruppo, e l'alternativa resta quella di scegliere il branco o fare il lupo solitario)


Era un lupo.
E come lupo, amava e sentiva.
Amava la mutua specularità di spazio e silenzio che
facevano da ordito alla tàiga in cui si muoveva, e si lasciava
accarezzare dalle morbide volute con cui il freddo si staccava
da un terreno piano e infinito verso un infinito curvo e finito.
E a volte sentiva. Sentiva un senso di sicurezza
permeare l'uniformità che lo circondava, e sapeva che uno
spettro più ampio di colori avrebbe finito per piagare il
glauco dei suoi occhi, e uno più vasto d’emozioni per
scialbare quelle di cui si nutriva.
Era un lupo.
Un lupo solitario.
E come lupo solitario, lottava e si accoppiava.
Lottava preferendo alle zanne lo sprezzo, e ferite che
non si sarebbero potute rimarginare. Ferite inferte, ma che gli
laceravano le carni, e bruciori che il gelo esterno non poteva
lenire, e quello interno solo esacerbare.
E a volte si accoppiava. Si accoppiava scoprendo
sensazioni di calore, singolari e suadenti per chi come lui
aveva imparato a stillare piacere dal ghiaccio. Singolari e
transitorie: qualche femmina seguiva le sue pesta per poche
ore, altre le lasciavano dopo aver iniziato a compenetrare la
sua vera natura.
Era un lupo.
Un lupo che veniva dal branco.
E come lupo che veniva dal branco, odiava e
indulgeva.
Odiava l'odore dei molti, che da sempre era odore
dolciastro di brani strappati al compagno e di compagni tali
per meglio strappare brani.
Ma a volte indulgeva e provava pietà: retaggio antico
e pericoloso per un lupo. Eppure pietà. Pietà per quella
massa confusa e tronfia, trafelata dal correre incontro ad una
tagliola che non avrebbe accettata, che non aveva capita. Li
avrebbe visti cadere in altre trappole, e rodersi tendini e ossa,
e zoppicando lasciare una sottile striscia vermiglia verso
quella lama che, accecati dal dolore, non avrebbero potuto
evitare.
Ma la pietà presto svaniva, come lembo di fiamma,
nato da brace a cercare un ciocco che non c'è.
Del resto, non era che Un lupo.
Del resto, non era che un Uomo.

13 commenti:

Comicomix ha detto...

Superlativo è l'aggettivo che sale alla labbra.

Aristotele disse: L'uomo è un animale naturalmente politico"
Forse, aveva torto.
Siamo tutti lupi solitari, che hanno perso il senso della comunità.
Speriamo non tutto sia perduto.

Un sorriso solitario
Mister X di Comicomix

riccardo gavioso ha detto...

faccio outing: stamattina volevo fare una pausa. Poi ho acceso il computer e ho visto le foto sui reduci postate dall'ottimo Mac, e mi è tornato in mente questo vecchio testo. Purtroppo Blogger è elestico come Borghezio e mi ha stravolto l'impaginazione.

un ululato di ringraziamento

Comicomix ha detto...

Io la definisco la fertilizzazione incrociata delle idee..
Una delle cose più belle di questo piccolo hobby...
Un sorriso ululante
Mister X di COmicomix

riccardo gavioso ha detto...

"fertilizzazione incrociata delle idee"... bellissima definizione... OGM FREE, naturalmente

un sorriso biologico :)

Lisa72 ha detto...

approdare sul tuo blog è sempre una sorpresa e un piacere: non sai mai cosa partorirà la tua penna ma qualunque cosa sia ha sempre bisogno di unaseconda lettura perchè la prima è tutta d'un fiato... Complimenti davvero!
Lisa

riccardo gavioso ha detto...

e adesso come faccio a rispondere... non mi resta che ululare alla luna :)

grazie davvero, Lisa

nonsolopane ha detto...

è una grande verità, bisogna accettarla.
come sempre sai descrivere ciò che è molto difficile,o che non sappiamo riconoscere.
Valeria.

riccardo gavioso ha detto...

è una regola, ma ha anche le sue eccezioni: il lupo è un animale estremamente sociale. Si caratterizza per l'altruismo nei confronti degli altri appartenenti del gruppo e è disposto a qualsiasi sacrificio pur di proteggere la prole. E' un predatore dotato di una curiosa sensibilità, e molte volte è stato osservato il fatto che rinunci alla preda se la debolezza e l'inferiorità di questa è troppo manifesta.

grazie Valeria!

Lisa72 ha detto...

pensando che un animale (usato in senso non diminutivo) ha questa sensibilità pur trattandosi di cacciare per mangiare e gli uomini invece uccidono solo per... per cosa??? ... non ho più parole.... Lisa

riccardo gavioso ha detto...

magari per potersi permettere questo:

[oknotizie.alice.it]

Lisa72 ha detto...

adesso sì che sono rimasta senza parole! :-(

Lupo Sordo ha detto...

Molto bella...
Ma questo lupo ci sentiva almeno?

riccardo gavioso ha detto...

si era messo a fare il solitario proprio per non sentire più nulla...

un ululato :)

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!