iodio, ionio? …no, stronzio!



che bello vivere in un paese finalmente attento ai temi dell’ecologia e sensibile alle politiche ambientali.

Grazie alla lungimiranza della nostra classe politica potremo finalmente vedere il verde tornare a lussureggiare e a rimpossessarsi degli spazi per anni inopinatamente sottrattogli. Ancora qualche giorno di pazienza e anche per il giudice Clementina Forleo, come già accaduto al collega De Magistris, si prospetta un trasferimento d’ufficio per “incompatibilità ambientale”.
In effetti, era ora di finirla con i pubblici ministeri che inquinano.
Era ora di dire basta ai magistrati che infangano l’immagine di specchiata moralità di integerrimi uomini politici spingendosi ad adombrare interessi lontani da quelli dei cittadini che accudiscono con tanta dedizione. Basta a chi tenta di inquinare le falde acquifere dei bacini elettorali di ministri che della giustizia hanno fatto la loro missione oltre che il loro dicastero. Basta a chi costruisce castelli di accuse, magari fondate, ma in violazione delle più elementari norme di edilizia. Basta a chi getta cemento sulle legittime aspettative di poter gestire fondi della comunità nell’interesse della propria comunità o di quella più piccola rappresentata da se stessi e dalla propria famiglia.
Ma soprattutto è giunta l’ ora di fermare chi ha avuto l’ardire di presentarsi in televisione a lavare panni sporchi, quando si sa bene che i panni sporchi si devono lavare senza detersivo e soprattutto in famiglia.
Ringraziamo, quindi, i supremi organi della magistratura per la doverosa opera di pulizia interna cui si sono dedicati, e per averla intrapresa in questi mesi autunnali senza procrastinarla ai canonici mesi primaverili.
Grazie!
Non sentite quest’aria nuova che si respira nel paese… iodio, ionio? …no, stronzio!

12 commenti:

Comicomix ha detto...

In effetti di questa vecchia aria nuova si sentiva la mancanza...
^_^

DanieleMD ha detto...

ma di cosa profuma lo stronzio?

Tubal ha detto...

Una volta c'erano i famosi "Porti delle nebbie".
Il Potere decideva di trasferire le inchieste scomode e pericolose.
Ecco quindi che la "Strage di piazza Fontana" veniva tolta a D'Ambrosio (Milano) e trasferita a Catanzaro.
Terribilmente nebbiosa era la Procura di Roma (Quella del corrotto Squillante per intenderci), anche li finivano i fascicolipericolosi per i Poteri occulti del paese.

Adesso è cambiata la moda:
Si mandano gli ispettori del ministero alla procura "ribelle" e si trasferisce il Magistrato.

Una piccola postilla sull'uso del VERO Stronzio:
Si usa (guarda caso) per la fabbricazionde dei tubi catodici dei televisori, con cui, lo sanno tutti, il potere rincoglionisce la gente.

Un saluto
Tubal

riccardo gavioso ha detto...

la spiegazione sull'uso dello stronzio nella costruzione dei tubi catodici è assolutamente illuminante, e in grado di far finalmente chiarezza sul fatto che, a forza di televisioni, in questo paese molti siano divertati stronzii come quelli che le detengono...
Quindi concluderei dicendo che dalla democrazia siamo passati alla videoligarchia.

un grazie e un saluto

riccardo gavioso ha detto...

@ comicomix:è il vecchio che avanza...

sono proprio contento di non aver scelto di provare con la magistratura: pigro come sono, non avrei sopportato di essere rimosso così spesso :)

grazie, e ti restituisco il sorriso depurato

@ daniele: mi sono documentato: dovrebbe profumare del kerosene in cui viene conservato, ma a volte si possono riconoscere sfumature di nocciola o mandorle, tipo torroncino, tanto per intenderci.
Estremamente volatile, si infiamma con l'aria. Soluzione consigliata: gattabuia senza la canonica ora all'aperto.
E' usato come componente nei dentifrici, quindi sembra necessario trovare un magistrato ecocompatibile per l'apertura di un'inchiesta "denti puliti".

un saluto

riccardo gavioso ha detto...

un po' di solidarietà per Clementina...

rinascitanazionale ha detto...

eccomi

riccardo gavioso ha detto...

ti ringrazio e visto che ti lamentavi della feccia, non che mal comune sia mezzo gaudio, mati faccio vedere cosa arriva nel mio:

"Nel 1941,anno dell'Era Fascista XIX, in "piena" applicazione delle Leggi Razziali promulgate nel 1938, il levi si laurea all'unversità di Torino in chimica.

Nel 1943 aveva messo in piedi una banda di partigiani , affiliata a "giustizia e libert". Era stato
catturato dalla GNR il 13-12-1943.

Non era stato passato per le armi, anche se era un partigiano ebreo, ma mandato in un campo di lavoro, ad Auschwitz, ed adibito a lavori manuali pesanti, poco adatti a lui, DEBOLE e MALDESTRO, tanto da ferirsi ad un piede, e mandato in Infermeria, invece che in un forno crematorio, come si crede
abitualmente.

Si ammala di scarlattina e viene ricoverato (ANCORA) in KA-BO (infermeria), dove resterà per 40 giorno al CALDO!
Ma non è cosa risaputa che i Tedeschi GASASSERO e CREMASSERO tutti i deboli e malati e tutti gli ebrei?

_______________
Il levi ERA :
_______________
1) ebreo
2) partigiano
3) debole
4) inabile al lavoro
5) un costo sanitario

Dicono che i Tedeschi Cancellarono tutte le "prove" a loro carico!
Il levi era una "prova",un testimone !
Perchè non è stato eliminato?
Perchè lasciare in vita un testimone "scomodo"?

Semplicemente perche non era prevista l'eliminazione fisica di alcuno,nè per motivi religiosi, nè sessuali,nè razziali.

Questa è analisi cruda e disincantata dei fatti.
Revisionismo,puro.

Il resto è olofavola ,olotruffa,DOGMA olocaustico."

Erwin

rossaura ha detto...

La situazione dei blogs..... non è buona!!!!!!

riccardo gavioso ha detto...

:)

un saluto

robroy ha detto...

e quanti ce ne sono in giro ancora di Erwin? (9 milioni??)

riccardo gavioso ha detto...

ci fosse anche solo lui, sarebbero troppi

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!