agli italiani piace il body scanner

a parte qualche signora che ha intasato i call center Alitalia per sapere se la cellulite viene rilevata dalla nuova apparecchiatura, qualche altra timorosa che il proprio esplosivo decoltè fosse digitalizzato troppo alla lettera, e alcuni signori preoccupati che la propria virilità potesse assumere parametri incontrovertibili, agli italiani è piaciuto il body scanner.


Uno, poi, si è dimostrato letteralmente entusiasta… 


16 commenti:

Ivo Serentha and Friends ha detto...

Bella la vignetta,il divino si può e si potrà permettere qualsiasi cosa,l'incantesimo continua...

La risposta sul vaccino h1n1

Un particolare è certo Riccardo,al di là di certa informazione,una minoranza denuncia e critica ciò che si è verificato,al contrario,soprattutto quella televisiva,quella più seguita,fischietta e fa finta di nulla.

Ma siamo in Italia,e chi denuncia una informazione pseudo libera viene tacciato di vivere in un altro mondo,ed è la definizione più benevola.

In Polonia evidentemente non hanno ancora capito come fare business, arricchendo taluni e danneggiando non poco la collettività.

Ciao Riccardo,

&& S.I. &&

Riccardo ha detto...

decisamente entusiasta, quel piccolo uomo...

Joe ha detto...

Accidenti! Mi son appena accorto che hai riattivato il Blog!!
Buon Anno e sono lieto di vederti in ottima forma. Mi mancava il tuo pungente umorismo anglosassone....

Martina Buckley ha detto...

sicuramente rivelerà la mancanza di connessioni sinaptiche di alcuni connazionali che tutt'ora si ostinano a pensare che tutto vada bene... in fondo in fondo potrebbe tramutarsi in uno strumento utile :D

Bello riaverti tra noi, Riccardo!

zefirina ha detto...

ahahahah e pensare che oggi ho letto un articolo che confuta la presuntà affidabilità di questo strumento, in compenso dato che uno dei primi aereoporti europei ad installarlo sarà Amsterdam, città in cui mi capita di andare spesso per via della figliola, ho deciso che quando farò il biglietto online chiederò la copia della scannerizzazione, magari un domani potrebbe servire al mio medico!

Daniela ha detto...

Fa tanto C.S.I.: all'italiano piacciono le perline luccicanti e le collanine di plastica luminescente!!

riccardo gavioso ha detto...

@ ivo: siamo passati dal divo al divino :(

riccardo gavioso ha detto...

@ riccardo: "piccolo uomo puoi andare via...", se ricordi la canzone :)

riccardo gavioso ha detto...

@ joe: grazie di cuore e Buon Anno, Joe!!!

In effetti mi sono comportato maluccio e ho interrotto le trasmissioni senza fare piagnucolosi annunci da blogstar. Ma giuro che per sei mesi mi sono detto "domani scrivo qualcosa", e sono riuscito a scrivere solo noiosissime relazioni di lavoro. Quest'anno giuro di essere un po' più presente, a costo di andare a incrementare le chilometriche liste dei disoccupati :)

riccardo gavioso ha detto...

@ martina: anche sul Titanic pensavano che "in fondo" tutto andasse bene... "in fondo" è termine pericoloso! :)

è un piacere per me ritrovare tanti cari Amici!

riccardo gavioso ha detto...

@ zefirina: prendiamo tutti esempio da Zefirina: questo è il modo corretto di affrontare la crisi... pago uno, prendo due, e sopratutto non gravo sul malridotto sistema sanitario nazionale :)

riccardo gavioso ha detto...

@ daniela: "libertà e perline colorate...", mi sa che ormai ci dobbiamo accontentare delle perline :)

doc63 ha detto...

Uno, poi, si è dimostrato letteralmente entusiasta… quel 1 é quello che fá avanti retro in tutti gli aeroporti ove esiste il body scanner e data la statura s´intrufola tra i poliziotti come un sorcio??? :-)

riccardo gavioso ha detto...

lui sui voli di stato ha il body scanner correttivo: lo riporta all'altezza di Fassino e alla lunghezza di Rocco Siffredi ;)

doc63 ha detto...

é la realtá poi che preoccupa,per questo si fá piccchiare con le statuette, per tornare alla realtá :-D

metropoleggendo ha detto...

però se ci passa lui, il body scanner neanche se ne accorge. al massimo si vedranno i capelli di plastica

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!