diamo a Silviolo quel ch’è di Silviolo: tanto troverebbe il modo di prenderselo ugualmente


diamo a Silviolo quel ch’è di Silviolo: tanto troverebbe il modo di prenderselo ugualmente.

Ricordo ancora quando le “sinistre” erano al potere certi sinistri titoli dei giornali:

- Mille e trecento extracomunitari sfondano i cancelli e marciano in corteo verso il municipio. La Polizia non interviene. Il Viminale: "Non si può parlare di fuga. Nel Cpa non c'è obbligo di permanenza". La popolazione, che protesta contro il nuovo Centro d'identificazione (Cie), applaude!

- Un altro stupro dopo la violenza al Quartaccio. Un nuovo episodio di violenza a scioccato Roma: una giovane coppia è stata aggredita a Guidonia nella periferia della capitale nella serata di giovedì.

Certo, tutto ha un prezzo, specie sicurezza e ordine pubblico. Ci siamo arresi ai Tartari(Dino non piangere! ), in attesa del promesso dentista a prezzi calmierati e l’italiano lascia molto a desiderare: "C'è una proposta del ministro Maroni condivisa dal ministro La Russa per aumentare di 10 volte il numero dei militari che, invece di essere un esercito che fa la guardia nei confronti del deserto dei Tartari, sarà utilizzato per combattere l'esercito del male cioè la criminalità diffusa". Ma cosa volete che sia qualche barzelletta di dubbio gusto, in cambio di tutta questa ritrovata legalità…

9 commenti:

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

A me sembra che tutta questa sicurezza non ci sia rispetto a prima; a me sembra che la situazione sia sempre grave. A me sembra, a certi media forse no...

Sulla barzelletta; no comment. E' pazzesco, non ci sono parole.

Franca ha detto...

Mi sbaglierò, ma non mi sembra che l'esercito nelle strade abbia migliorato la sicurezza...

Uhurunausalama ha detto...

Dici che rimetteranno il servizio di leva obbligatorio visto i mille milioni di soldati che vuole usare...?

fabio r. ha detto...

sorvolerei sulla barzelletta per pietà umana....
sul discorso sicurezza, mah.... a parte roboanti annunci e servizi TV impacchettati dei soliti servi di stato (italia 1 e soci) non mi sembra che la percezione in giro sia migliorata poi coì tanto.
Anzi: da quel che leggo e vedo in città paramilitarizzate (tipo Padova) per combattere il degrado notturno (manco il Bronx...) sento voci dei cittadini alquanto incazzati che questi continui controlli non li vedno poi di buon occhio..
ma che ne so io? io sono solo un pacifico (pacioccone) cittadino di un paese umbro (quindi Comunista!).. non sono nulla io.

ciao

Joe ha detto...

Follie degne di questo indegno governo! Si uniscono alle truppe convenzionali NATO per combattere invisibili guerrieri talibani e in Italia si usa lo stesso esercito per inseguire gli invisibili stupratori....
Le vere ragioni sono assai diverse dalle idiozie che vengono proclamate.

Buon weekend.

Pietro ha detto...

occorrerebbe il ritorno dei cevelli nella testa degli italiani..,più dei militari nelle strade

Anonimo ha detto...

Non concepiscono altri modi, sono limitati. Pensano che tutto si risolve con la forza.
Bisogna stare attenti sono pensieri e segnali pericolosi. Sono da dittatura. Bisogna educare, migliorare le condizioni di vita, bisogna prevenire.
Non aspettiamoci nulla di buono
Primlug

Blogger ha detto...

3000 soldati è una mossa populista.
30000 pericolosa.
Blogger

..:: Symbian ::.. ha detto...

siamo nel paese delle mezze verità e delle bugie intere...

http://cristianbelcastro.blogspot.com

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!