lesbiche e alcolisti, prepararsi !


" ...classificati sia con il Triangolo Rosso degli oppositori politici ma sovente anche col Triangolo Nero degli asociali, la categoria inventata dai nazisti che raccoglieva "renitenti al lavoro", "disfattisti" e "sabotatori dell'economia nazionale", oltre a senza-dimora, lesbiche e alcolisti. "

Metodi vecchio stile, che ci hanno lasciato artistiche stampe come quella della foto, di cui andare fieri, sostituiti da una più moderna schedatura elettronica, che però non pare disdegnare la collaborazione di associazioni di cittadini per cooperare al presidio del territorio.

Ovviamente solo la mia malafede, e la mia avversione nei confronti della Lega promotrice dell’iniziativa, mi portano a vedere similitudini storiche inquietanti. E a riportare queste parole, scritte lo scorso inverno:

Due clochard morti di freddo, obbiettivamente non è una gran notizia e me ne scuso coi lettori.
Si sa, sono gente che muore… di freddo, o del fuoco appiccato da qualcuno che tenta di dare una mano al destino… e forse sono gente già morta.
Per materasso hanno il marmo, e se va bene un po’ di cartone. Hanno sempre una busta di plastica in mano e una bottiglia di vino nell’altra. Ma non sono soli, sono sempre accompagnati dalla paura e dalla diffidenza di chi li guarda e volge subito gli occhi.
Paura di scoprire che sono stati uomini come noi. Colleghi di qualcuno… un tempo, amici di qualcuno… un tempo, parenti di qualcuno… un tempo. Non amiamo sentire le loro storie, col rischio di scoprire che quello che è successo a loro potrebbe succedere anche a noi… d’altra parte noi siamo nel bel mezzo della battaglia, e nel bel mezzo della battaglia non è bello vedersi intorno i disertori… i disertori si fucilano, o li si lascia morire di stenti e di freddo.
Abiti sporchi e improbabili, che vestono storie plausibili… fin troppo plausibili: un licenziamento, un divorzio, un fallimento… economico, personale. Cose che potrebbero capitare a ciascuno di noi… no, signore, non mi riferivo a lei…
E’ possibile offrirgli un thermos di caffè bollente, è possibile fare due chiacchiere con loro, ma non aiutarli: hanno perso tutto, gli resta la loro libertà. Foss’anche quella di morire di stenti, difficile che la gettino via.
Conoscono le stelle, e con esse il destino.
Sono soli e se ne andranno senza disturbare molto.
Il loro numero aumenta, e diminuisce la loro visibilità. Ogni tanto fanno comodo, per mondarci la coscienza e il portafoglio dagli spiccioli. Ogni tanto ci servono a riempire i palinsesti televisivi… poi una ripulita e via…
Il freddo è il nemico che li tortura e li uccide, ma sanno che senza i giorni più rigidi, difficilmente qualcuno si ricorderà e scriverà di loro.

16 commenti:

Franca ha detto...

Per quanto mi riguarda ho già pronto il triangolo rosso da oppositore politico.
Parole toccanti...

riccardo gavioso ha detto...

@ franca: grazie Franca, ora vedo di procurarmi un po' di stoffa anch'io...

weblogin ha detto...

Non sei il solo. Anche io, oltre a non sopportare la Lega, vedo similitudini storiche inquietanti.

riccardo gavioso ha detto...

e in fondo anche gli ebrei, allora, rappresentavano un religione diversa e una sorte di enclave nella società tedesca. A differenza degli attuali immigrati, però, potevano vantare un certo benessere economico. In ogni caso l'odio per il diverso una volta lasciato cadere dall'alto e un seme che cresce con sorprendente rapidità.

doc63 ha detto...

il guaio é che si ricorderanno di loro solo per accaparrare qualche voto, per far vedere che fanno qualcosa e poi ritorna il buio,ma sempre per loro ;-)

riccardo gavioso ha detto...

trovo davvero vergognoso andare a seminare intolleranza nei confronti di una categoria che non ha mai mostrato propensioni verso la violenza. Ma forse è una semplice e squallida questione di arredo urbano...

calamintablog ha detto...

Quoto

riccardo gavioso ha detto...

ti ringrazio, e ne approfitto per lasciare il link alle storie e alle parole di chi di solito non ha modo di farci sentire la sua voce:

[stazionemilano.splinder.com]

doc63 ha detto...

oltretutto é vergognoso pensare che facendoli sparire dai centri abitati, si risolvi il problema ;-)

riccardo gavioso ha detto...

e per fortuna che c'è diversa gente che in silenzio li aiuta da anni e divide la notte con loro. Del resto c'è chi vive di fatti e chi di chiacchiere e propaganda...

doc63 ha detto...

bravo,come al solito colpisci nel centro del problema

Joe ha detto...

E come non bastasse questa Lega maledetta si professa cristiana e venera il ridicolo altare portatile detto il Carroccio.

zefirina ha detto...

secondo me sei te che sei in malafede
;-)

ma non vedi in che Belpaese viviamo (in effetti anche la galbani ha tradito la nostra fiducia, mi sovviene)
io vedo tutto .....nero.... o forse mi si sono semplicemente sporcati gli occhiali...li pulisco.... li pulisco ma continuo a vedere nero

riccardo gavioso ha detto...

@ joe: visto la statura (morale) del premier non poteva che avere in tasca metallo di "bassa" lega ;)

Joe ha detto...

Riccardo, dove le scovi tutte queste bellissime battute? Hai forse un dizionario speciale? ;-)

riccardo gavioso ha detto...

@ joe: un esercito di ghost writer, ma con la recessione dovrò provare ad arrangiarmi :)

grazie di cuore e una buona serata

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!