i feriti gravi venivano uccisi per depredare i cadaveri.


Alla fine dopo ben tre ore di corpo a corpo i francesi cominciarono ad arrendersi, nonostante il loro numero fosse ancora del tutto maggiore a quello degli inglesi; questi separarono i nobili(le cui famiglie potevano pagare lauti riscatti) dagli altri combattenti, mentre i feriti gravi venivano uccisi per depredare i cadaveri.

Questi, di cui la storia ci porta notizia, sono degli uomini probi se confrontati con i giornalisti del TG2 che hanno appena mostrato nel telegiornale delle 20,30 il corpo nudo della studentessa di Perugia, il suo reggiseno, e le sue mutandine.

Siete esseri immondi... vergognatevi!

(nella foto uno scarabeo stercorario che si porta a spasso la sua pallina fatta di escrementi)

21 commenti:

Comicomix ha detto...

Riccardo. Fai come me, metti gli occhialini per vedere bene.

La foto che hai postato non è il simpatico insetto...E' il direttore del Tg 2

Ciao!

C.

il Russo ha detto...

Ciao, ho scritto pochi giorni fa sulle imprese dei geni di Studio Aperto sul mio blog ma vedo che non c'è mai limite al peggio...
Sarei onorato di annoverarti fra gli amici del mio blog, se ti piace e decidi di linkarmi fammi sapere che visto il tuo bel blog ti linko immediatamente!
Ciao.

riccardo gavioso ha detto...

@ comicomix: caro amico, ci scherzi, ma ormai per leggere il giornale mi tocca quasi metterli... so che mi dirai di non metterli, che non merita :)

ti ringrazio della correzione, effettivamente è il direttore, ma la m. l'ho vista bene, e rimane m. ;)

una buona serata

riccardo gavioso ha detto...

@ il russo: ti ringrazio molto. Ti ho aggiunto e risposto sul tuo blog.

riccardo gavioso ha detto...

stasera non sono di buon umore, forse si nota dal post...

ma vi prego, so che siete tutte persone dotate di un'invidiabile educazione... fate uno strappo alla regola!

riciard ha detto...

ti dono tutto il mio appoggio, mi è sembrato anche a me di pochissimo gusto, per non dire peggio. L'immagine dello stercolario è perfetta...

riccardo gavioso ha detto...

grazie Riccardo, adesso vengo a controllare che non ci siano brogli ;)

marisa1 ha detto...

Hai ragione, sono sempre più simili al tg di Italia1. Stavamo cenando, la mia bambina è rimasta fortemente impressionata e senza parole.

riccardo gavioso ha detto...

anch'io sono rimasto senza parole... e temo di avere qualche anno più della tua bambina. Il bello che a mezzogiorno al tg1 hanno detto: "ovviamente abbiamo tagliato le immagini più crude..." ...per trasmetterle alla sera e fare più audience!

doc63 ha detto...

vedo che oggi al postino non danno tregua,ma hai ragione ad infierire contro i 4 bigotti che ci ritroviamo,hai il mio appoggio morale

riccardo gavioso ha detto...

giuro che per un po' non scrivo nulla contro i giornalisti... sportivi :)

grazie dell'appoggio

pierpaolobasso ha detto...

Lo stercoraro ha piu capacita di loro, roccoglie merda vegetale, loro spandono merda cerebrale. R-A-I di tutto di più, senza vergogna.

riccardo gavioso ha detto...

ti dirò, quelle che leggono il telegiornale nude mi sembrano infinitamente più professionali

il Russo ha detto...

Ciao Riccardo, innanzitutto grazie per le belle parole in più oltre ad averti linkato con piacere fra gli amici ho linkato anche l'invito al boicottaggio di Pechino 2008 (logicamente appoggio in pieno!) che rimanda al tuo bell'articolo in proposito.
Ciao!

Franca ha detto...

Al peggio non c'è mai fine!

rudyguevara ha detto...

e si giustificano col diritto di cronaca,magari.che parassiti!

zefirina ha detto...

per mia fortuna non vedo alcun tg

riccardo gavioso ha detto...

@ il russo: ti ringrazio davvero moltissimo

riccardo gavioso ha detto...

@ franca: e qui al distillato del peggio siamo molto vicini

riccardo gavioso ha detto...

@ rudyguevara: e poi hanno il coraggio di farci pagare il canone come servizio pubblico...

riccardo gavioso ha detto...

@ zefirina: davvero grande fortuna!

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!