la sorte di milletrecento famiglie è nelle mani del Divino Otelma



allora un breve antefatto: dopo la morte del fondatore Nuccio avvenuta nel 1997, uno dei carrozzieri più famosi del mondo, padre della Lancia Stratos e della Lamborghini Miura, la Bertone inizia un lento e inesorabile declino. Le commesse iniziano a mancare e da più di due anni i 1300 dipendenti sono in cassa integrazione. La figlia Barbara e i sindacati propendono per la cessione a Gian Mario Rossignolo, manager ex Fiat e Telecom, che offre garanzie di continuità e alla signora il ruolo di presidente onorario. La madre sorprende tutti dando un’opzione a un oscuro finanziere, tale Domenico Reviglio, dietro il quale si nasconderebbe l’avvocato Vito Truglia, uomo, che si mormora nei salotti torinesi, sarebbe stato indicato in alcune sedute spiritiche come la reincarnazione di Nuccio. Quindi licenzia in malo modo la figlia, facendola accompagnare all’uscio dal direttore del personale e tira dritta per la sua strada.
Ora bisogna dire che noi torinesi abbiamo poche cose di cui andar fieri, la Mole, nonostante l’aggiunta dei numeri di Fibonacci, è oggettivamente bruttina e le Olimpiadi ce le siamo gettate alle spalle. Ma una cosa che il mondo ci invidia è la qualità del nostro capitalismo.
Gli Agnelli, a dispetto del nome, si sbranano vicendevolmente come lupi smagriti dalla fame per questioni ereditarie, e notiamo con piacere che i Bertone, vista la vocazione al disegno, sono stati orgogliosi di seguire la stessa linea.
Quanto a quelle milletrecento famiglie che pendono dalle labbra di chissà quale oscuro personaggio, o dai capricci di un pendolo o di un bicchierino, qualche maligno, viste le propensioni allo spiritismo di cui si diceva, potrebbe far sfoggio di cultura e paragonarle alle “Anime morte” di Gogol, cioè a servi della gleba che valgono molto più da morti che da vivi.
Naturalmente il governo nicchia, e sembra assistere alle vicende con un tatto e una rassegnazione davvero encomiabili, ma poco risolutivi. Ecco perché la presenza di Tom Cruise a Torino è ormai improcrastinabile: vista la sua notevole esperienza in reincarnazioni, è l’unico in grado di mediare tra le giuste aspettative di defunti ed eredi, e le pretestuose rivendicazioni di lavoratori che ambirebbero a procurarsi la pagnotta con cui restare vivi.

32 commenti:

Lisa72 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lisa72 ha detto...

Contenta di leggere il post delle 18 (almeno non sei stato ancora arrestato) però non è molto piacevole quello che hai scritto... soprattutto per tutte quelle famiglie.. soprattutto per la insanità mentale (è l'unica definizione non censurabile che mi viene in mente) di chi ricorre a maghi e simili... è più forte di me...
Buona serata, Lisa

davide ha detto...

Una storia strana quella della Bertone purtroppo , sarà l'ennesima storia di madre e figlia dove decidera il tribunale, intanto i lavoratori vengono parcheggiati .

Mr.Segnalatore ha detto...

Ma i maghi fanno sparire e riapparire...
Qui il "trucco" non è riuscito...come potra riapparire quello che non c'è più??

Mistero!

riccardo gavioso ha detto...

@ lisa72: non è affatto piacevole, vedo spesso gli operai fermi davanti alla fabbrica di corso Allamano. Spero davvero che questo post passi inosservato perchè qualcuno non me lo perdonerebbe, ma sentivo di doverlo a loro.

una buona serata anche a te

riccardo gavioso ha detto...

@ davide: il problema è che erano già parcheggiati da due anni in cassintegrazione, e se non si decide in fretta salta anche quella.

una buona serata

riccardo gavioso ha detto...

@ mr.segnalatore: adesso faccio il mago anch'io: scommettiamo che alla fine della vicenda una distinta signora bionda della Torino bene si ritrova in mano quattordici milioni di euro come premio per aver... (di nuovo l'inchiostro)... porta pazienza :(

Giuseppe Nicosia ha detto...

Certe cose possono succedere anche perché la gente si ostina a credere nel paranormale... io, nel mio piccolo, cerco di fare divulgazione "contro" le credenze irrazionali.

Comicomix ha detto...

Ha fatto più danni della grandine il capitalismo all'amatriciana (che, a dispetto del nome, si mangia - eccome - anche nella tua Torino) delle "famiglie" e dei salotti buoni all'Italia.
L'altra faccia della politica mestatrice, inconcludente e ladra. Ma, chissà perchè, di questa parlano tutti, di quello non si ricorda nessuno
Tranne un graffiatore di professione...;-)
Un saluto affettuoso
Carlo

Cristina ha detto...

Bellissimo.
dal titolo alla conclusione.

Un abbarccio al volo.

Cri

riccardo gavioso ha detto...

@ giuseppe: ottima cosa, come vedi i danni che possono fare sono immensi, anche se in questo caso ci sia malafede. Iniziasse lo stato a impedrgli qualsiasi forma di pubblicità...

un magico saluto :)

riccardo gavioso ha detto...

@ comicomix: sarà per colpa di un altro fantasma che è tutto molto ovattato. Ma quello almeno li teneva tutti a Cuccia...
Sui salotti buoni, ci sarebbe da scrivere un libro... e te ne potrei raccontare di storie... magari in privato, se no capace che i Bertone assoldano un killer tedesco...

un caro saluto anche a te, da un salotto appena passabile :)

comicomix ha detto...

Questo commento ha rivelato la tua vera natura. Sei Un COMICOMIX, ammettilo. Il vero Mister X di COmicomix. ^_^

Se hai voglia di raccontarmene, hai la mia mail. Anch'io avrei certi nanetti da raccontare, sapessi...^_^

Un sorrisone one one one
P.s. Ho rifatto il salotto nel 2001. Non è male, una volta ci sorseggeremo del buon Barolo d'annata, davanti al caminetto...;-)

riccardo gavioso ha detto...

il barolo lo porto io, e se è il caso anche il caminetto :)

riccardo gavioso ha detto...

@ cristina: sei sempre troppo generosa :)

ricambio l'abbraccio

GG ha detto...

Stra-complimentisismi per il blog!! Hai un modo piacevolissimo di raccontare con originalità fatti di attualità e storture irreparabili del mondo in cui viviamo...! :D

Ho molto apprezzato questo post.. penso che inizierò a leggerti con regolarità.

Se ti va passa da me:

http://anggeldust.blogspot.com

Ho visto che ogni tanto passi! Magari uno scambio link mi farebbe piacere... ;)

Intanto mi ti feedo e ti linko, il resto a tua discrezione! a presto!

GG

GattaNera ha detto...

Non conoscevo la vicenda... tristissima sotto ogni punto di vista, dal "disagio" delle famiglie che non hanno sicurezza di un lavoro, alle liti familiari, alla speculazione (e forse il raggiro) del dolore...

Ma una frase mi ha colpito particolarmente "Naturalmente il governo nicchia"... perfetta definizione! Siamo governati (destra o sinistra poco cambia) da chi sembra avere come unica missione quella di mantenere la personale poltrona e salvaguardare gli interessi personali... lasciando il paese in balia di se stesso... e magari "svegliandosi" ogni tanto davanti a qualche emergenza.

Paola

zefirina ha detto...

triste guerra quella fra un genitore e un figlio
io ne so qualcosa

ma la follia si annida ovunque ahimè

a me mi (e sottolineo a me mi) piace immensamente la mole con i numeri del fibonacci ma ancor più mi piacerebbe tornare allo spettacolare museo del cinema

zefirina ha detto...

p.s. sai che uno dei miei fratelli ha vissuto due anni a torino dove ha svolto il servizio civile, si è follemente innamorato della città e ci torna spesso

Agenzia di pubblicità ha detto...

L'ennesima storia triste di come funziona il sistema italiano

Franca ha detto...

Far interdire la signora?

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Un cocktail composto da ingredienti amari e difficili da mandar giù.

E mai una volta che qualcuno che può decida di cambiare le cose di invertire la rotta di dare un gusto nuovo e migliore a questo cocktail nauseabondo.

Lisa72 ha detto...

rick ci sei???
un giorno intero senza post?
ci dobbiamo preoccupare?
un saluto, Lisa

Anonimo ha detto...

tristezza che i capricci da ricchi trascinino tanta gente nella disperazione;la conclusione inquieta!Tom Cruise e la sua setta di viziati sono pericolosissimi
un caro saluto
Lorenzo Anne Veronica
http://giramundo.splinder.com

riccardo gavioso ha detto...

@ gg: ti ringrazio molto e provvedo ad inserire il tuo ottimo blog nel mio blogroll.

scusa per il ritardo, ma ero via per lavoro

riccardo gavioso ha detto...

@ gattanera: governo e imprenditoria uniti come sempre da comportamenti assurdi. Ma ormai non credo più alla stupidità... in questo paese è quasi sempre malafede.

scusa per il rirardo, ma ero via per lavoro

riccardo gavioso ha detto...

@ zefirina: come torinese, mi riesce difficile dare un giudizio sulla città che non sia di parte, e mi fa indubbiamente piacere vedere che sia apprezzata. Il Museo del Cinema è davvero molto bello e a me mi piace molto anche a me :)

scusa il ritardo, ma ero via per lavoro

riccardo gavioso ha detto...

@ agenzia di pubblicità: indubbiamente una storia emblematica di come si gioca con la vita delle persone. E a Torino non avevamo certo bisogno di sottolinearlo...

scusa per il ritardo nella risposta

riccardo gavioso ha detto...

@ franca: il suggerimento è ottimo, ma temo che il provvedimento giudiziario arriverebbe quando si tratterà di "carrozzare" dischi volanti.

scusa per il ritardo, e un buon fine settimana

riccardo gavioso ha detto...

@ rockpoeta: cocktail nauseabondo, ma ingredienti di lusso. Sono in molti che vorrebbero berselo tutto d'un fiato.

scusa il ritardo, e un buon fine settimana

riccardo gavioso ha detto...

@ lisa72: grazie per l'interessamento, ma a Torino si dice: "L'erba grama non muore mai" :)

un abbraccio

riccardo gavioso ha detto...

@ agli amici di giramundo: concordo, tutti i "ricchiscemi" sono molto più pericolosi di quel che possa sembrare.

un buon fine settimana

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!