Kenya: panettone o pandoro?



ci sono momenti in cui mi vergogno di essere italiano, e la cosa tende a manifestarsi in particolar modo quando mi ritrovo in vacanza con i miei connazionali all’estero. Anzi la cosa negli ultimi anni ha assunto un risvolto clinico e l’insofferenza di è trasformata in allergia, con le conseguenze del caso.
Credo la ragione profonda dell’avversione derivi dal inopinato fatto che non sono un vacanziero. Non ho mai avuto il mito della vacanza come status symbol, non ho mai contato i giorni che mi separano dalle ferie, e negli anni in cui le mie finanze non avevano andamenti particolarmente in linea con la tanto decantata ripresa italiana, ho rinunciato alle vacanze o ho ripiegato con soddisfazione su mete autarchiche.
Comprendo che un tale sfrontato outing sia tale da poter portare alla revoca del passaporto, da inimicarmi buona parte del paese, e che comporti il rischio di trovarmi la porta della mia abitazione unta o segnata con una croce… ma siete amici e debbo dirvi la verità.
Un attacco piuttosto serio della malattia l’ho provato nella serata di ieri, ascoltando le dichiarazioni degli italiani che avevano dovuto interrompere le vacanze in Kenya. Erano tutte improntate a un fastidio che tendeva a sconfinare nella rabbia per la prematura scomparsa di una parte significativa della loro vacanza. Tutte stigmatizzavano la decisione dei tour operator di farli rientrare, dal momento che in Kenia non stava accadendo assolutamente nulla: e in effetti, per chi ritiene che l’unico motivo dell’esistenza della gente di colore, sia quella di verificare il grado della propria abbronzatura, qualche bambino arso vivo in una chiesa si può far tranquillamente rientrare in quel nulla che così bene si abbina a quello che hanno nella scatola cranica.
Del resto in questo atteggiamento di sufficienza erano ben confortati.
Il sottosegretario agli esteri, Bobo Craxi, che proprio da qualche giorno si trovava in zona, non per motivi di vacanza come qualche maligno potrebbe ventilare, ma per aver brillantemente intuito la drammatica piega che gli avvenimenti potevano prendere, ci tiene a farci sapere che in Kenya la situazione è oltremodo calma. E questo potremmo anche perdonarglielo: per vecchie ragioni di famiglia, è inevitabile che le situazioni politiche africane gli paiano decisamente più tranquillizzanti di quelle italiane.
Meno comprensibili, invece, le dichiarazioni del console onorario di Malindi, Roberto Macrì. Ha assicurato che nella località turistica tanto amata dagli italiani finora " non si è registrato alcun problema " e che, anzi, il Capodanno si è svolto secondo le tradizioni: " una bellissima festa, tantissima gente e tutti i locali pieni ”.Grazie Macrì, non so come tu abbia fatto ad intuire che il nostro interesse per il Kenya in questi giorni era quello di sapere se nella bellissima festa abbiate dato la preferenza al panettone o al pandoro, e ti imploro affinché questo dubbio possa al più presto dissolversi… cinquanta morti bruciati vivi in una chiesa? …hai ragione, Macrì, quando si festeggia a volte, capita di esagerare…

30 commenti:

Comicomix ha detto...

Io non sono insensibile al grido di dolore dei nostri connazionali in Kenya.
Però, in questo momento, ho un problema sconvolgente e a tratti allucinante da risolvere:

Il mio navigatore satellitare non fa l'update in automatico..
Che tempi, signora Penna...
Non ci sono più nemmeno i Craxi di una volta.

A denti stretti...^_^
C.

Mr.Segnalatore ha detto...

Graffiante...! Ma quando ci vuole ci vuole!!
Saluti Riccardo!

Stefania ha detto...

Allucinante!

pibua

Lisa72 ha detto...

Ecco, lo sapevo che non era normale... allora è un virus... sai mica dove si può comprare il vaccino??? Ieri ho litigato con un (parente) a cui il tour operetor ha consigliato di cambiare la meta (dal Kenya ai Caraibi) e lui era molto arrabbiato per questo "incomprensibile e a mio parere ingiustificato allarmismo per un po' di guerriglia" (parole testuali).... Allora lui ha ragione e la malata sono io... :(
Per fortuna sono in buona compagnia: nel caso creassero un lazzeretto per gli appestati mi ritroverò con persone gradite ^_^
Buona giornata e ti augro di non guarire anche se ciò comporterà l'essere rinnegato..., un abbraccio ,Lisa

Lupo Sordo ha detto...

Che paese di merda è il nostro...

riccardo gavioso ha detto...

@ comicomix: ti posso consolare, caro amico, c'è gente a cui non è mai funzionato nemmeno l'update del cervello...

grazie, e un saluto arrabbiato

riccardo gavioso ha detto...

@ mistersegnalatore: ormai, ci vuole troppo spesso...

un caro saluto

riccardo gavioso ha detto...

@ stefania: eh sì, quelli che dimostrano sensibilità sono altri...

riccardo gavioso ha detto...

@ lisa72: con tutta la doverosa partecipazione al dolore del tuo parente, teniamoci la malattia, di cui potremo parlare con l'amico Daniele.
Magari tra malati potremo un giorno organizzare una gita terapeutica in uno degli angoli del mondo dove c'è bisogno di dare una mano.

un abbraccio

riccardo gavioso ha detto...

@ lupo sordo: come vedi, ci sono almeno le autorità a restituirci un minimo di senso civico...

un saluto

ilrock ha detto...

"per chi ritiene che l’unico motivo dell’esistenza della gente di colore, sia quella di verificare il grado della propria abbronzatura, qualche bambino arso vivo in una chiesa si può far tranquillamente rientrare in quel nulla che così bene si abbina a quello che hanno nella scatola cranica."

clap clap clap

riccardo gavioso ha detto...

ci sono andato giù un po' pesante, ma mi hanno davvero fatto andare fuori dai gangheri!

grazie, e un saluto

rossaura ha detto...

Altrochè se si è svegliata male la tua penna..... però anch'io dormirò male questa notte se qualcuno non mi risolverà il dilemma. Pandoro o Panettone?!? D'altra parte se a Torino sono gli operai che vanno via bruciati in Kenya invece preferiscono un certo tipo di cioccolatini....

riccardo gavioso ha detto...

promesso: telefono a Macrì e ti faccio sapere!

pensa che sono stato in Kenya quattro anni fa, e dava veramente la sensazione di un paese sicuro, popolato da gente meravigliosa.

nonsolopane ha detto...

Vorrei ricordare che la ricetta riginale del pandoro prevede 100 gr. di farina con altrettanti di burro. Il che può risultare un pochino indigesto ,specialmente alle alte temperature. Questo è per noi italiani, loro poverini non hanno nessuna colpa del nostro colesterolo), ma hanno pagato ugualmente in maniera drastica.

riccardo gavioso ha detto...

mi sono ricordato di quella bellissima vignetta in cui l'americano obeso e l'africano denutrito, si fissano negli occhi e si chiedono reciprocamente: "ma come hai fatto a ridurti così?"
Chissà se qualche amico ci dà una mano a ritrovarla...

un caro saluto

primlug ha detto...

Degli italiani ci sarebbe molto da dire, il benessere da al cervello, forse è per questo che lor signori hanno sempre ragionato così.
Anche la radio stamane parlava di tranquillità, come se niente fosse. Ci sono libri che non vengono letti ma dicono molto: Niente di nuovo sul fronte occidentale
alla prossima Rick

riccardo gavioso ha detto...

hai indovinato, purtroppo non l'ho letto, ma vedrò di rimediare... in effetti, il benessere è la droga con gli effetti più devastanti su cervello.

un caro saluto

pcdazero ha detto...

Leggo i commenti e cosa vedo alla fine:
"Voli per Kenya: Cerca ora
Oltre 200 voli per Kenya
Prenota subiro e risparmia"
---------------- Annunci Google
Vedi: [bp2.blogger.com]

Dispiace che il tuo post venga usato per questi fini pubblicitari NON contestuali.

riccardo gavioso ha detto...

grazie Gianni: quando la realtà supera la fantasia... e non me ne ero accorto.
Ma sono stupide le macchine o gli uomini?

un caro saluto

unblogindue ha detto...

Questa situazione mi ricorda tristemente le immagini di passeggeri imbestialiti ad un giorno dallo tsunami, infastiditi oltremodo dal consiglio di rinunciare alle vacanze.
In fondo, chi se ne frega di un pò d'acqua e di qualche cadavere che galleggia qua e là quando in palio c'è l'abbronzatura da sfoggiare poi sotto la pelliccia?

riccardo gavioso ha detto...

hai ragione, anch'io ricordavo lo stesso atteggiamento... passa il tempo, cambiano i luoghi, ma...

complimenti per la tua bellissima "lettera..." che ho avuto modo di rileggere

mirino ha detto...

In effetto, non rendiamo abbastanza conto dell'abisso sempre più enorme fra di noi, i occidentali soprattutto quelli mondani, ed i milioni di meno fortunati nel mondo. Conosco un francese che ha l'abitudine di andare ogni anno in vacanze in Sri Lanka. Come se nulla fosse accaduto, è partito di solito appena dopo l'ultimo terremoto, avendo prima verificato che l'hotel 'di solito' esisteva sempre...

riccardo gavioso ha detto...

e magari al ritorno avrà concluso: "fantastico, c'era molta meno gente del solito!", non riferendosi necessariamente ad altri turisti.

un saluto

drixxxe1 ha detto...

Questi ragionamenti mi fanno pensare a quando si costruiscono delle case in luoghi a rischio (frane, diluvio, ecc,...): finchè non succede nulla lì, va tutto bene. L'economia non può fermarsi per il rischio di fare morire delle persone. Facciamo. Poi se succede qualcosa si troverà il modo per pararci il culo. Poi per i morti, bè... pazienza. Si sa che gli assenti hanno sempre torto.

riccardo gavioso ha detto...

col petrolio sopra i cento al barile, penso che la vita umana sia destinata a svalutarsi ulteriormente... specie nei posti di cui si parlava.

un saluto

Franca ha detto...

Secondo te perchè tanta visibilità alla catastrofe dello tzunami e così poca al Kenia?
Che sia la percentuale di vacanzieri italiani il discrimine?
E pensare che si preannuncia un nuovo Ruanda...

riccardo gavioso ha detto...

@ franca: credo proprio che quella sia la ragione: vale più un turista con i piedi a mollo, che mille poveretti in fondo al mare... i secondi, del resto, sono difficili da intervistare :(

un saluto

GattaNera ha detto...

Conosco anch'io qualcuno che si è adirato perchè la meta delle sue "meritate vacanze" (parole esatte!!!)è stata spostata.
E' davvero triste pensare che la vita umana ha sempre un valore minore... eppure sono convinta che un popolo di persone sensibili ancora esiste... ma non viene intervistato dalla tv, rovinerebbe l'audience!

Un sorriso... un po' amaro...

Paola

riccardo gavioso ha detto...

@ gattanera: la tua conclusione sull'audience è davvero bellissima.
Ovviamente, fai le mie condoglianze al tuo conoscente...

grazie della visita

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!