(il postino delle sei) - un pessimo senso dell'orientamento



premetto che, tranne l’ultimo mezzo paragrafo, nulla di quello che leggerete è farina del mio sacco, ma deriva da una riflessione di Marco Travaglio.
Lo riporto perché mi ha fatto piacere sentire che a suo giudizio la notizia più importante dell’anno è la strage della Thyssen, cui molte righe abbiamo dedicato, e che la cosa più inquietante è stato il fatto che grazie ad una legge passata con un plebiscito bulgaro (dai neofascisti ai neotrozkysti, nemmeno un voto contrario) oggi ci sarebbe consentito scrivere del processo di Norimberga, e forse di quello di Cogne.
La conclusione potrebbe quindi essere che se l’uomo è solito esser seguito dai propri atti, quelli giudiziari, nel nostro paese, hanno un pessimo senso dell’orientamento.

6 commenti:

Lisa72 ha detto...

Sì, l'ho sentito detto da Travaglio stesso domenica sera in trasmissione da Fazio e mi è piaciuto molto il commento ironico di "rubare a Vespa gli argomenti delle puntate di Porta a Porta".... :-(
Un saluto di sera, Lisa

newkid ha detto...

Sorry...non avevo visto che ti avevano già "nominato"...Ma del resto dovevo scegliere una nomination in cui "credere"...e quindi vuol dire che ne avrai una in più.. :-))

Saluti duemilaotteschi ^_^ franco

riccardo gavioso ha detto...

@ lisa72: infatti la guardavo in replica nel pomeriggio. Un programma che riconcilia con la televisione.

un abbraccio

riccardo gavioso ha detto...

@ newkid: due nomination is meglio che uan :)
scherzi a parte ti ringrazio molto, e un ottimo 2008 anche a te

anecòico ha detto...

concordo... un orientamento davvero pessimo, e temo non basterà un buon gps per migliorare la situazione, salvo non indichi a metà classe dirigente di andarsela a prendere sonoramente nel.. beh ci siamo capiti :)

anecòico

ps. auguroni per il 2008, anche se un poco in ritardo ;)

riccardo gavioso ha detto...

@ anecoico: in effetti un bel gps che punti direttamente lì...

un magnifico 2008 anche a te!

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!