Darfur: finalmente la svolta



ricordate il famoso “Deus ex Machina” del teatro latino e greco: la storia s’ingarbugliava, si dilungava, la soluzione pareva remota e difficile, quand’ecco scendere dall’alto il dio di corvée che in quattro e quattr’otto metteva tutto a posto.
Che la tragica storia del Darfur si prolunghi da troppo tempo, mi pare fin troppo evidente. Che l’intervento dell’ONU, più volte procrastinato, sia ancora lontano a venire, altrettanto. Che il rifiuto delle potenze occidentali di fornire mezzi aerei, terrestri e logistica vada a braccetto con gli ostacoli che le autorità Sudanesi frappongono al loro dispiegamento in campo, è altrettanto noto. Quindi dei circa trentamila uomini della forza di pace che avrebbero dovuto affiancare i soldati dell’Unione Africana non vi è traccia, e non ce ne sarà ancora per molto. E la morte e la fame saranno libere di continuare a mietere il loro raccolto tra la sabbia.
Ma la “Machina” si mette in moto, le funi si srotolano, e dall’alto ecco piovere… sessanta cammelli.
Sì cammelli, quelli con le gobbe, e non chiedetemi quante, per queste quisquilie c’è Wikipedia.
Comunque, giustifico la vostra perplessità: non cammelli qualsiasi, ma cammelli addestrati, cortesemente prestati dall’India, insensibili a spari ed esplosioni, e ottimi per il trasporto di acqua e vettovaglie.Se il Darfur non fosse un immane tragedia, sempre in attesa di essere promossa all’Olimpo, tanto per restare in tema, del genocidio, ci sarebbe da ridere… e come ci sarebbe da ridere… magari con le lacrime agli occhi.

10 commenti:

Comicomix ha detto...

Hai graffiato in profondo, Rick.
Molto in profondo.
C'è un' ideale liena di tristezza e di rabbia che lega ikl tuo post a uno che ho letto da poco di narcomatra.
A volte, con la mia voglia di sorridere a dispetto di questo mondo di merda, mi fate sentire (non voi, ovvio, le situazioni che così bene raccontate) un perfetto imbecille.
Poi, la rabbia mi passa, e torno ad essere il solito...
Com'è dura sorridere, delle volte...

Lisa72 ha detto...

Oggi mi chiedevo perchè tante associazioni umanitarie facciano leva sul buon cuore dei privati cittadini per cercare di aiutare quest'immensità di persone che non possono niente e non hanno niente... hai risposto benissimo!
Ma che razza di governi, di organizzazioni governative del bip bip abbiamo?
Ma invece di chiedere gli aumenti per portare le famiglie a Roma e non sentirsi così solo da dover andare a put...e questa gente non si dovrebbe solo vergognare!! Quando vinci il seggio in Parlamento prima devi fare un anno di servizio civile: li manderei a lavorare gratis per un anno dove c'è davvero bisogno e se poi hanno lavorato bene possono finire la legislatura in Parlamento altrimenti a casa!
Buona serata.. forse... Lisa

riccardo gavioso ha detto...

@ comicomix: hai ragione, caro amico, è molto dura. Ma voglio insegnarti un trucco: vedo un mondo che mi piace sempre meno, e cerco di convincermi che sia tutta colpa degli anni che passano. :)

comicomix ha detto...

Gli anni passano, eccome..anzi, corrono. Ma il mondo non va a ramengo SOLO per colpa loro. Anche questa potrebbe essere un'idea... ;-)

A proposito: Ti ho mandato la mail..
sono un po'....spero ti piaccia, insomma...
Ciao!

riccardo gavioso ha detto...

potrebbe essere un'idea.
vado subito a dare un'occhiata... ho riattaccato solo adesso.

ciao

riccardo gavioso ha detto...

@ lisa: mi sembra che ci spuntino le ali ai piedi solo quando a portare pace ci obbliga qualcuno

una buona serata anche a te

Non posso che concordare con te! :)(drixxxe1)

drixxxe1 ha detto...

Già... Invece le lacrime agli occchi le abbiamo per altri motivi. Ho come l'impressione che questa situazione faccia comodo a qualcuno. Grazie all'India per il gesto. Tra il dire e il fare c'è di mezzo l'Onu...

riccardo gavioso ha detto...

sicuramente comodo a qualcuno, e scomodo a molti. Dicono che i cammelli piangano, e lì ne vedranno di cose da piangere.

rinascitanazionale ha detto...

fosse la volta buona caro rickgav... io incrocio le dita..

riccardo gavioso ha detto...

ti ringrazio, perchè il titolo del tuo post è fantastico e mi ha strappato un sorriso... il che è grave, perchè poi mi tocca pagare il copyrigth ai Comicomix :)

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!