la vera storia del cane che doveva morire di fame e di sete




allora correggiamo subito il titolo: la vera storia del cane che è morto di fame e di sete.

Un piccolo sunto per i pochi che non conoscano ancora la storia: durante una mostra d’arte svoltasi a Managua, l’artista Giullermo Vargas ha esposto un cane randagio legato ad una catena con l’intento di farlo morire di fame e di sete per rappresentare l’agonia della malcapitata bestia. Il premio per l’artista, oltre all’invito per la Biennale Centroamericana, è stato quello di avere una risonanza mondiale in pochissimi giorni, che gente come Dalì e Picasso hanno impiegato una vita a ottenere. Questo era sicuramente l’intento dell’artista, che però non doveva aver messo in conto la mobilitazione mediatica che in breve tempo ha raccolto oltre duecentomila firme contro di lui e contro la sua presunta opera d’arte.
Ed ecco, come per magia, arrivare il deus ex-machina sotto forma di smentita: il cane veniva regolarmente nutrito e dissetato nelle ore di chiusura della mostra, e il messaggio che l’artista voleva trasmettere era quello di mostrare l’ipocrisia della gente disposta a mobilitarsi di fronte alle sofferenze di un cane che per strada avrebbero tranquillamente ignorato… fortunatamente pare che non si sia spinto a parlare di patimenti e morti umane, ma l’ispirato tono profetico sembrava muoversi in quella direzione. In Italia, la tesi della provocazione a fin di bene è stata naturalmente sposata dal prode Attivissimo che si è detto certo trattarsi di una bufala… e come dare torto a uno che con le bufale si è costruito un avvenire e non sa neppure come sia fatta una mozzarella.
Tutto bene.
Non proprio.
Interrogati sulla sorte della povera bestia, l’artista e il direttore del museo, invece di mostrarci un cane felice e sorridente, seduto davanti ad una ciotola di Ciappi, hanno dovuto ammettere che per un’inopportuna distrazione l’animale era evaso dalla sua poco dorata prigionia, e non se ne avevano più notizie.
Ora io sono certo che, come alla mia penna, un paio di dubbi vi siano rimasti: se il cane fosse stato regolarmente nutrito, come sarebbe stato possibile ottenere l’agonia e la fissità dello sguardo che tutte le foto ci hanno mostrato, se non ricorrendo all’uso di tranquillanti e perpetrando una crudeltà diversa da quella dichiarata, ma non meno esecrabile. E non vi pare strano che questo povero animale, che per giorni sembrava non reggersi sulle zampe, sia stato poi così lesto nel far perdere le proprie tracce. E che dire del geniale artista che non ha saputo sfruttare la tesi della provocazione adottando la povera bestia, come sarebbe stato logico aspettarsi in un finale strappalacrime, e ha inizialmente sostenuto la tesi che come cane randagio sarebbe ugualmente morto si stenti entro pochi giorni?
Ora certamente si stanno dando un gran daffare a trovare un cane simile, che tra qualche giorno sarà ritrovato per caso e mostrato al mondo intero. Così naufragheranno miseramente i miei sospetti e Attivissimo potrà andare in sollucchero.
Ma io sulla sorte del povero animale non sono disposto a scommetterci neppure un euro… e tutte le mattine al mercato, scopriamo quanto poco valga…

Un aggiunta.
Se mai avessi ragione, voglio far pervenire un messaggio all’artista: non azzardarti mai a definire un cane bastardo… il vero e unico bastardo sei tu!

12 commenti:

Lisa72 ha detto...

Stamani sei il primo blog che vado a leggere, curiosa di sapere cosa avrebbe graffiato la tua penna... come sempre in poche parole riesci ad esprimere uno sdegni che in molti abbiamo provato e, come sempre, non ti tiri mai indietro quando c'è da fare i "complimenti" a qualcuno... ( anche se non si chiama Bush ;) )
Un buon giorno anche se molto raffreddata e "statarnutente", Lisa

Lisa72 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lisa72 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lisa72 ha detto...

scusa ma sembra che stamani blogspot pr3enda i commenti tripli... :( Lisa

Anonimo ha detto...

Conosco molto bene i cani (meglio delle persone) e posso assicurarti che se fosse stato nutrito, non sarebbe mai scappato, anzi il "problema" sarebbe stato mandarlo via!!!

biodoctor ha detto...

ho letteralmente i brividi, è l'ennesima violenza su animali di cui sento parlare nel giro di pochi giorni. scioccante quanto la razza umana sia tremendamente stupida, e la sua stupidità si rifletta negativamente su altre forme di vita.
questo tizio lo chiuderei in una cella, ma gli darei una briciolina al giorno, giusto per allungare la sua agonia più di quanto non sia stata lunga quella della povera bestia..
there is no vaccine against stupidity!

Anonimo ha detto...

Non ho parole.... forse sono esagerata per il troppo amore che ho per i cani... però credo che quell'esere che l'ha legato lì meriti le peggior cose del mondo.

riccardo gavioso ha detto...

chiedo scusa a tutti per il ritardo, ma fino a quando Adsense rende così poco...

@ Lisa: in ogni caso una brutta storia che dimostra come molti considerino gli animale alla stregua di oggetti a propria disposizione.
Auguri per il tuo raffreddore... in effetti, cominicia a fare freschino

@ anonimo: ottima considerazione che mi era sfuggita

grazie per la visita

@ biodoctor: vero, non c'è limite alla stupidità umana, ma a volte gli "artisti" riescono ad aggiungere un tocco di classe

grazie per la visita

@ anonimo: non direi che esageri... è lui che ha esagerato

grazie per la visita

sonoro ha detto...

ottimo post
un sonoro saluto

riccardo gavioso ha detto...

ti ringrazio, molto

rokkok ha detto...

invece sta bene e gode ottima salute, alla faccia dei creduloni incantatelli... :)

un'altra balla è quella dell'uomo-pianta, che resiste in vetta alla home di OKBALLIZIA

riccardo gavioso ha detto...

amo molto gli animali, e nessuno sarebbe più lieto di me di essermi sbagliato

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!