le orche assassine



Le orche sono animali di dimensioni impressionanti che, dietro la loro grazia ed eleganza, celano una straordinaria aggressività, tanto da essersi meritate l’appellativo di assassine.
Abbisognano di migliaia di prede per nutrire la loro imponente mole, e sono abilissime cacciatrici. Silenziose e veloci, amano attaccare i cuccioli di altre razze, arrivando fino a spiaggiarsi pur di raggiungere la preda, per poi riguadagnare il mare grazie a potenti colpi di coda.
Ditemi se, nelle righe che seguono, non noterete delle perfette similitudini con il comportamento di alcune multinazionali che da molto tempo si distinguono per il loro comportamento subdolo e altrettanto letale.
Difficile è scegliere con che criterio proporvele.
L’ordine basato sul contributo di ognuna di esse alla selezione assistita della razza sarebbe stato il più corretto, ma avrebbe richiesto una vita di studi per fornirvi dei numeri anche approssimativamente attendibili, e forse sarebbero arrivate prima loro a vanificare i miei sforzi. I miei dubbi si sono però dissolti quando ho notato come la loro ombra si allunghi su di noi fin dai primi giorni di vita, per poi non abbandonarci più… sole o pioggia che sia.


Partiamo con i bebè, e riconosciamo alla NESTLE’ il primo posto in classifica in virtù del fatto che le sue politiche commerciali uccidono circa 4.000 neonati al giorno. Un bambino allattato con latte in polvere è 25 volte più a rischio di morire di dissenteria di uno allattato al seno, in posti dove l'acqua non è sicura. Come ripetutamente segnalato dall'UNICEF la Nestlè viola il codice internazionale redatto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e dalla stessa UNICEF, che proibisce la promozione dell'uso di latte in polvere per l'alimentazione dei neonati. Nelle Filippine la compagnia ha dovuto subire lo scandalo di essere stata scoperta a " affittare " delle infermiere diplomate in funzione di " educatrici sanitarie " per andare per le case e convincere le madri ad usare i prodotti Nestlé. L'uso del latte in polvere, in sostituzione a quello materno, fornito gratuitamente negli ospedali nei primi giorni di allattamento, crea nel lattante disaffezione al latte materno. Ciò ha causato e causa la morte di un altissimo numero di bambini nei primi mesi di vita, poichè nel terzo mondo il latte in polvere viene preparato con acqua spesso malsana. Fonti dell'UNICEF parlano di più di 1.000.000 neonati morti all'anno nel Sud del mondo perché non più nutriti al seno. Ignorando i consigli dell’OMS che raccomanda che i cibi complementari debbono essere utilizzati dopo i sei mesi di vita, i prodotti Nestlè sono etichettati come utilizzabili dopo la seconda settimana. Le diciture non forniscono informazioni chiare e, in alcuni casi, lo fanno in lingue che le madri non possono capire. Con le indicazioni non hanno mai brillato per correttezza ed è notevole questa “ perla “ tratta dal loro archivio storico: Nestlè esporta i suoi prodotti nelle "colonie" fin dal 1873, e nel 1939 lo faceva in Singapore e Malesia etichettandoli come " ideali per bambini delicati ", mentre ne era stata vietata la commercializzazione in Gran Bretagna per via dei casi di cecità e rachitismo.
Una delle ultime prodezze della Nestlè è stata quella di far passare la possibilità di etichettare come cioccolato, prodotti fatti anche senza il cacao: un nuovo mezzo per rovinare la nostra alimentazione e far ribassare i prezzi ai contadini del sud del mondo produttori di cacao.

Passiamo ai bambini e alla magia di WALT DISNEY. Topolino difensore della giustizia e della legalità, Pippo e Paperino protettori degli spiriti liberi, Qui Quo Qua attenti alle tematiche ambientali, Pocahontas e il gobbo di Notre Dame a sottolineare la nuova attenzione per i popoli diversi e i diversi in genere... Brava Disney, entrata nel mirino dei " benpensanti " quando ha deciso di pagare gli assegni famigliari a tutti i dipendenti che vivono in coppia, compresi i conviventi e gli omosessuali. Tutto all'insegna della non discriminazione. Peccato che ad Haiti, a 5.500 chilometri di distanza dai suoi assolati uffici californiani, migliaia di giovani, poco più che quindicenni, lavorino alla confezione di abbigliamento a marchio Disney per uno stipendio di circa 27 centesimi l'ora. In Birmania le condizioni dei lavoratori sono ancora peggiori che ad Haiti: 6 centesimi di paga oraria, per un monte ore settimanale superiore alle sessanta. Meno di 300.000 lire all'anno in un paese dove la dittatura militare impone i lavori forzati, reprime brutalmente qualsiasi rivendicazione sindacale, e non si contano i casi di sparizioni e massacri. Quella stessa dittatura militare che abbiamo ben imparato a conoscere in questi ultimi giorni, oltre ad imporre una tassa del 5% su ogni esportazione, è diretta proprietaria del 45% degli stabilimenti Yangon nei quali vengono prodotte le felpe.

Dicevamo che le orche prediligono i cuccioli: passiamo a MCDONALD’S. McDonald's e Burger King sono due delle molte multinazionali americane che usano veleni letali per distruggere vaste aree della foresta pluviale del Centro America per creare pascoli per il bestiame che sarà poi rivenduto sotto forma di hamburger e per procurarsi la carta necessaria all’impacchettamento: contrariamente a quanto affermato, solo una piccolissima quantità è riciclata. La verità è che vengono tagliati 1.300 chilometri quadrati di foresta ogni anno che si trasformano in carta in attesa di finire nell'immondizia delle città dei paesi "sviluppati".
I lavoratori dell'industria del fast food hanno paghe molto basse. McDonald's non paga straordinari anche quando i lavoratori ne fanno diverse ore. La pressione per realizzare sempre maggiori profitti fa si che siano assunti meno addetti di quelli necessari, quindi quelli che ci sono devono lavorare sempre più velocemente e sempre più duramente. Come conseguenza, gli incidenti, particolarmente le ustioni, sono molto comuni. La maggior parte dei lavoratori di McDonald's sono persone che hanno poche possibilità di trovare altre mansioni e sono costretti ad accettare questo tipo di sfruttamento. Non è quindi una sorpresa che il ricambio del personale da McDonald's sia molto alto, cosa che rende virtualmente impossibile sindacalizzarsi e lottare per migliori condizioni di lavoro, oltre al fatto che McDonald's si sia sempre opposto ovunque alle organizzazioni dei lavoratori.

(continua domani)

9 commenti:

Lisa72 ha detto...

Posto questo commento di corsa e invece meriterebbe il tempo che adesso non ho quindi scusa se sa di buttato lì.. volevo solo abbozzare una riflessione e poi magari ampliarla! Premesso che penso che tu abbia esposto molto bene le argomentazioni vorrei solo annotare una cosa sull'allattamento che forse è fuori contesto, nel caso perdonami. Che il latte materno sia il migliore alimento è vero.. però solo quando il latte è un alimento e non quando è solo acqua o quando produrre il latte non crea alla madre una tale ansia da rendere il latte non nutriente e l'allattare stressante. Lo dico da madre di tre bimbi che ho avuto la fortuna di allattare con il mio latte ma prima e dopo il parto mi sono trovata in situazioni di quasi terrorismo nell'imporre alle madri il miglior metodo del seno che ne ha portate diverse a non poche crisi depressive. Ciò detto, lungi da me difendere la Nestlè e il suo comportamento scorretto: penso però che, come nel caso suo e di altre multinazionali, starebbe a noi, se non ai nostri governi, prendere ciò che hanno di buono e imporgli di diffonderlo bene! Mi spiego: il latte in polvere è un salvavita di enormi potenzialità, chi non ha latte o non ha chi lo possa allattare trova solo in quello la fonte di nutrimento, bisognerebbe che, come ben altre cose (vedi anche i detersivi), venisse usato e fatto usare correttamente...
Adesso devo proprio staccare perchè sono in ritardo.. se riesco e ti fa piacere riprendo il discorso più tardi.
Un saluto, Lisa

riccardo gavioso ha detto...

Le tue osservazioni sul latte materno sono giustissime, ed effettivamente dai noi a volte capita un terrorismo al contrario. Andrebbe lasciata la libertà di scelta e i consigli dovrebbero essere privi di fini di lucro. Nei nostri paesi l'allattamento artificiale andrebbe messo sotto accusa per gli esorbitanti prezzi che comporta, con macroscopiche differenze da nazione a nazione. Nei paesi in via di sviluppo, invece, è un pericolo mortale in quanto nella maggior parte dei casi il latte in polvere viene diluito con acqua infetta e il conseguente rischio mortale di diarrea. Quindi il pacco dono all'uscita dall'ospedale, che come me avrai ricevuto, da noi riguarda problemi di etica commerciale, in altri paesi può fare la differenza tra la vita e la morte.
Grazie del contributo, e un saluto.

Comicomix ha detto...

In una vita precedente, lavoravo per una grande azienda italiana che la Nestlè ha acquistato (tra l'altro smantellando in pochi anni l'insediamento, e lasciando solo macerie, un bello stabilimento che lavora i loro prodotti, e i marchi)
Io me ne sono andato.
Sono francamente una mezza associazione a delinquere.
Le multinazionali sono un vero e proprio potere contro potere, legittimate da nulla che non sia il loro denaro, spesso grondante di sporcizia
Non sono solito essere duro, ma conoscendole un po' dal di dentro, me lo permetto.

Orche assassine. E' perfetto.

Un caro saluto
Mister X di COmicomix

riccardo gavioso ha detto...

(anticipo la conclusione di domani)

Il potere è impressionante, la Esso è l'ottava economia mondiale, ma tenendo in mano le briglie della Casa Bianca, essendo stato il pricipale sponsor di Bush, in realtà comanda la prima.
Sono in realtà Stati, e come Stati muovono guerre, anche se sono costretti a farli per interposta persona. Scendono nei nostri paesi e fanno filotto di realtà industriali con tradizioni decennali, e molte volte comprano la griffe per poi propinare la bassa qualità.
Grazie per la tua testimonianza, e un caro saluto.

yngnrjnwrrnrynwr ha detto...

Bellissima (e tristissima) similitudine.

riccardo gavioso ha detto...

In effeti la situazione è molto triste, devo però dire che, specie in alcuni paesi, dopo diversi anni le azioni di boicottaggio sembrano iniziare a dare i loro frutti: i nostri amici, di fronte a cali di fatturato che gli esperti di marketing imputavano proprio a boicottaggi e informazione indipendente, hanno preferito indossare il vello dell'agnello. Sotto naturalmente sono rimasti lupi, ma ormai fanno a gara ad inventarsi iniziative filantropiche volte a creargli buona stampa.
Grazie per la visita.

Roberto ha detto...

Quello che descrivi sembra uscito dall'ambientazione di "Compagni di Viaggio".

Purtroppo però, è tutto maledettamente vero!

Alla prossima...

riccardo gavioso ha detto...

Roberto, che piacere sentirti.
In effetti, il fascino dei romanzi ambientati nel futuro è la loro capacità di anticipare la realtà.

biodoctor ha detto...

complimenti per l'esplicazione dei fatti. è un blog davvero interessante, come tutti quelli che parlano di notizie che i nostri"amati" giornalisti non ci danno.

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!