i bravi macellai si meritano le ferie



E' indiscutibile che Radovan Karadzic e il suo generale Ratko Mladic siano stati ottimi macellai, e infatti, nonostante gli sforzi di Carla Del Ponte, si godono meritate ferie da circa dieci anni.
Il loro ultimo giorno di lavoro li ha visti impegnati a Srebrenica, dove hanno portato a termine il più infame genocidio dalla fine della seconda guerra mondiale: ottomila persone.
Arrivando a Srebrenica dalle colline che la circondano predomina il verde, quasi che la natura s’ostini a cercare di cancellare le tracce dell’orrore umano. Ma, avvicinandosi, gli occhi percepiscono qualcosa di sbagliato in quel verde… qualcosa di artefatto. Sono le millenovecentotrentasette lapidi verdi del cimitero di Potocari, inaugurato da Clinton nel 2003. Le lapidi mostrano un numero di riconoscimento, e più in basso altri numeri: date di nascita e di morte, a ricordarci come dalla furia omicida dei serbi non si siano salvati né bambini né anziani.
Sotto di esse l’erba comincia a spuntare, ma i tumuli ne sono ancora spogli e ben visibili. C’è molto spazio intorno, e servirà per accogliere altri quattromila corpi, che qui dovrebbero concludere un viaggio iniziato dalla fabbrica che s’intravede appena oltre il cimitero, e che li ha portati in una delle sessanta fosse comuni scoperte a fine guerra nei dintorni, per poi approdare alle celle frigorifere di Tuzla, dove attendono la conclusione dei lunghissimi test del DNA per ritrovare un nome e poter essere finalmente sepolte.
Nella fabbrica, nel 1995 erano ospitati circa quattrocento caschi blu olandesi che avevano il compito di difendere la popolazione civile dell’enclave musulmana. Appena spuntarono i serbi di Mladic, consegnarono armi e suppellettili ai cetnici e, in un impeto d’eroismo, se la dettero a gambe levate pur di avere salva la vita: questo nonostante le circa tremila persone appena giunte in cerca della loro protezione. Il genocidio, iniziato appena sparito l’ultimo casco blu, durò diversi giorni. Al primo piano della fabbrica le donne vennero sistematicamente violentate prima di finire nel capannone o in mezzo ai campi per essere fucilate coi loro bambini. Un testimone, al processo dell’Aja, parla di oltre mille fucilazioni in un solo giorno e di vittime sgozzate in serie coi coltelli, mani legate dietro la schiena. Sui muri della fabbrica sono rimasti i tragici graffiti sessuali con cui i cetnici hanno concluso questa epilessia di morte, e rendono il luogo oltremodo spettrale.
Carla del Ponte, procuratore generale del Tribunale internazionale dell’Aja, nel decimo anniversario della strage, si è rifiutata di partecipare alla commemorazione di Srebrenica. Un gesto politico per dire alla comunità internazionale che non ci potrà essere giustizia finché i serbi Mladic e Karadzic non saranno consegnati al tribunale, e ancora qualche giorno fa ha ribadito, inascoltata, il concetto.
Quanto ai due macellai, girano l’Europa, protetti da omertà e connivenze. Karadzic poteva essere fermato in Montenegro, dove era venuto a “prendere il sole” e passeggiava tranquillamente scortato da una decina di guardie del corpo armate fino ai denti. Le autorità hanno avuto paura che l’arresto potesse trasformarsi in una carneficina, e lo hanno lasciato andare. Chi volesse affittare una prestigiosa residenza reale in Grecia, a Salonicco, potrà sentire il custode che vanta la sua presenza, in qualità di ospite illustre: vi ha soggiornato diversi giorni, in attesa, forse, di sparire verso la Russia.
Domani, se vi farà piacere, continueremo parlando delle madri di Srebrenica, degli olandesi e delle lacrime di coccodrillo…

24 commenti:

Lisa72 ha detto...

Mi permetto un commento un po', come direbbe qulcuno in altri siti, "qualunquista" ma a leggere le tue parole mi vengono in mente quelle di coloro che affermano che in questo mondo è meglio non mettere al mondo dei figli, tra l'altro ho appena finito di leggere basta guerre e i due post letti uno a seguito all'altro mettono veramente ansia una madre...
Io ci sto provando a crescerli spiegando loro cosa vuol dire libertà e rispetto, anche se talvolta mi lascio prendere la mano e forse il mio esempio non è proprio di pace, ma mi rendo conto di quanto sia difficile cercare di essere e far essere obiettivi davanti alle cose che accadono e alle persone ci circondano. Mi rendo conto che per salvaguardare il proprio orticello molti si azzannano peggio delle bestie: figurarsi se ci si lascia coinvolgere da uno pseudo-ideale di non so cosa a che punto si può arrivare....
Però sono fiduciosa: in questo momento vedo mia figlia dormire e mi dico che c'è futuro, che c'è speranza... o forse lo spero soltanto con tutta me stessa!
Bellissimo post, un saluto Lisa

riccardo gavioso ha detto...

Cara Lisa,
facciamoli i figli, ma facciamoli bel sapendo che sulle nostre spalle graverà il peso di educarli, magari, quando avranno l'età giusta, facendolgli anche sapere cos'è successo a Srebrenica.
Facciamoli perchè un giorno forse avranno la capacità di cambiare un piccolo spicchio di mondo o perlomeno faranno da contrappeso a quelli che lo vorranno distruggere.
Loro non solo sono il nostro futuro, ma il futuro di tutti.
Un abbraccio a te e alla tua piccola.

Anonimo ha detto...

Ho letto con attenzione e profonda emozione. Ho ricordato persone della mia famiglia che sono da annoverare tra le vittime di guerra, fucilate come ostaggi dalle SS o morte di stenti a Dachau. Di certo non li ho conosciuti di persona, ma li ho sempre ricordati ed ho sperato e spero ancora che certe storie non si ripetano più. Ma la realtà mi smentisce... due rapide riflessioni: non c'è bisogno di essere nazzisti per essere criminali di guerra ed esiste sempre l'indifferenza al male assoluto che è quello di uccidere in nome di una qualunque ideologia, dimenticando che niente vale quanto la vita umana. Fromm ha scritto che l'essere umano è l'unico tra i viventi che gode nell'infliggere la sofferenza agli altri. L'unica religione dovrebbe essere il rispetto della vita umana.

riccardo gavioso ha detto...

Molte le parole da sottolineare tra quelle che hai scritto: il male è assoluto, simbologie e colori sono come la pelle del camaleonte e mutano in continuazione.
Le parole di Fromm sono perfette: ci ricordano una terribile verità, e ci suggeriscono l'unica soluzione possibile.
Grazie della visita.

lisa72 ha detto...

La cosa terribile è che qualcuno li protegge, giustifica e difende pure.... Hai scritto un altro bel post!
Saluti, Lisa

ruttiliberi ha detto...

ottimo post

riccardo gavioso ha detto...

ti ringrazio davvero, e trovo che sull'ex-Jugoslavia da anni regni il classico silenzio assordante

Comicomix ha detto...

I figli sono il dono più splendido.

"Loro non solo sono il nostro futuro, ma il futuro di tutti"

E dobbiamo farli stare con gli occhi bene aperti, perchè sia la logica del fanciullino, e non quella dei genocidi di stato, a prevalere.

Un piccolo sorriso
Mister X di COmicomix

riccardo gavioso ha detto...

certo, aiutiamoli a crescere, ma non cerchiamo mai d'estirpargli quella "logica del fanciullo" che è dentro di loro

un sorriso che crescerà

Comicomix ha detto...

Sono totalmente d'accrodo..è uno dei miei credi.
Grazie

cab64 ha detto...

Srebrenica è il caso più eclatante ma quello che è successo lì è capitato in mille altri posti della ex Yugo e quasi nessuno a pagato. ciao carlo

riccardo gavioso ha detto...

tutto purtroppo vero, ma credo che la mancanza d'informazione sia il miglior lasciapassare per i macellai a passeggio.
Un silenzio vergognoso, quasi da far pensare alla corresponsabilità, non fosse per Peacereporter e qualche coraggioso freelance non sapremmo più nulla di quel che accade in quei luoghi.

Se oggi chiedessimo alla gente che fine ha fatto Milosevic, in quanti saprebbero rispondere?

cab64 ha detto...

troppo pochi .
ma quanti milosevic ci sono in giro ? carlo

riccardo gavioso ha detto...

fosse anche solo uno, sarebbe troppo!

swa ha detto...

mi va bene tutto quello che avete scritto...
però a chi è convenuto e chi ha promosso la destabilizzazione della Jugoslavia?

La Germania? La Nato? Gli USA?

e i croati non sono stati meglio dei serbi...

fuorilemura ha detto...

i croati hanno fatto come i serbi, probabilmente in maniera meno eclatante, anche i bosniaci hanno fatto le loro stragi (subendone però più di tutti) ricordo un film esplicativo che appena trovo il titolo lo posto..

cab64 ha detto...

ti posso garantire che ognuno ha fatto gara a chi faceva peggio... carlo

swa ha detto...

certo. è quello che volevo dire.
però è interessante capire come una nazione dove hanno convissuto per mezzo secolo pacificamente diversi popoli e religioni, improvvisamente si lasci andare alla barbarie più spinta.

potevamo evitarlo? e soprattutto: volevamo evitarlo?

se la lombardia dichiarasse la sua indipendenza e il giorno dopo fosse riconosciuta da tutti gli stati europei e dall'america, voi cosa pensereste?

cab64 ha detto...

diciamo che hanno convissuto insieme perchè c'era tito che li bastonava tutti allo stesso modo.

swa ha detto...

non è proprio così.

cab64 ha detto...

personalmente ritengo di si, però è la mia opinione personale. certo che gli sloveni niente avevano a che spartire con i serbi per cultura storia e tradizione - ciao carlo

riccardo gavioso ha detto...

l'analisi politica è effettivamente molto complessa, come è complessa la situazione attuale di quella terra che affronterò domani nella continuazione. Ma se il Quebec fosse riuscito a ottenere quella manciata di voti in più e a rendersi indipendente, non credo che da quelle parti sarebbero successe tragedie.

Roberto ha detto...

Meno male che c'è qualcuno che mette in risalto e soprattutto non dimantica!

Bravo Riccardo!

riccardo gavioso ha detto...

Su certe cose ho fatto un doppio nodo al fazzoletto.

Grazie Roberto

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!