Bono Vox al posto di Padoa Schioppa


La proposta può apparire curiosa, ma altrettanto curioso è il fatto che la Rayan Air, compagnia lowcost irlandese, abbia gettato con disinvoltura sul piatto della trattativa Malpensa circa 1 miliardo di dollari( quasi 1.000 miliardi delle vecchie lirette ). Sono gli stessi soldi che la nostra compagnia di bandiera, o forse sarebbe meglio dire di ventura, vola-tilizza in un paio d'annetti. A questo punto sorge spontanea la domanda: siamo stupidi noi o geniali gli irlandesi... Visto che questi ultimi hanno inventato la " Guinness ", propendiamo per la seconda ipotesi e offriamo la guida dell'economia italiana al leader degli U2.
Difficile che accetti? Non è detto: gli italiani sono generosi, specie quanto si tratta di premiare dei risultati di bilancio assolutamente fallimentari, e l'appannaggio dei nostri politici, a.d. Alitalia compreso, non si discosta poi molto da quello che rendono le royalties dei Beatles.

Una piccola nota in chiusura: mi inquieta che Alitalia sia finita nelle mani di Prato. Il titolo non si può certo dire che voli in borsa, ma essere addirittura costretti agli atterraggi d'emergenza... Che dite? ...non gli affittano più le piste? ...allora convengo che la scelta è stata ottima.

2 commenti:

Roberto ha detto...

Da utente sporadico dei voli interni (sporadico perchè costano uno sproposito!) mi rendo conto che per Ryan Air potrebbe essere un vero business il mercato interno italiano.

Sia se decide di fare reale concorrenza agli altri operatori, sia se decide di 'adagiarsi' alle tariffe della concorrenza, come ad esempio hanno fatto utti i competitor della telefonia!

Alla prossima...

riccardo gavioso ha detto...

Quelli sono irlandesi: non si adagiano nemmeno dopo venti pinte di birra.
Io, tra l'altro, credo che volerei molto più tranquillo con una bella Guinness in corpo :)

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

disclaimer

questo sito viene aggiornato alla sanfasò, quindi senza alcuna periodicità, e non rappresenta una testata giornalistica, nè ci terrebbe a rappresentarla. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
Dei commenti postati risponderanno i loro autori, davanti a Dio sicuramente, davanti agli uomini se non hanno un buon avvocato. In ogni caso, non il sottoscritto.
Le immagini presenti sulla Penna che graffia sono state in larga parte prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo e provvederò prontamente alla loro rimozione... quella degli autori, ovviamente!